Ancora niente di fatto per i 561 dipendenti ‘storici’ dopo promesse e impegni
27 Novembre 2012
Radio Muti, rivale di Radio Bari
28 Novembre 2012

Il banco di prova Sassuolo non mettere a tacere le notizie sul mercato

Archiviata la vittoria contro il Modena è già tempo di preparare la prossima sfida contro la capolista Sassuolo. Negli allenamenti di lunedì alla ripresa la squadra è stata divisa in due gruppi.

Seduta defalcante per chi ha preso parte alla partita, allenamento regolare per gli altri giocatori.

Lavoro differenziato sul campo per Grandolfo. Fermo solo Galano per la contusione rimediata alla spalla nel posticipo di domenica. Buone notizie riguardo a Ghezzal, l’attaccante ha partecipato alla sessione di allenamento con i compagni. Ci vorrà ancora un altro mese per rivederlo in campo, il recupero sta procedendo nel migliore dei modi. Nella sfida contro il Sassuolo non ci sarà Ceppitelli squalificato per 1 turno dopo l’espulsione rimediata contro i modenesi. E’ tornato a parlare il direttore sportivo Guido Angelozzi in merito ad una probabile cessione di capitan Caputo durante la prossima sessione di mercato invernale. Il ds non prende in considerazione questa ipotesi:” Ciccio è il nostro capitano, perno del Bari e pedina fondamentale, il suo contratto scade nel 2015. In questo momento bisogna continuare a mantenere i ritmi alti per raggiungere il prima possibile la salvezza.”

In conferenza stampa è intervenuto uno dei protagonisti delle ultime gare baresi, il giovane Francesco Fedato dicendosi contento della sua prestazione contro i gialloblù:” Abbiamo giocato bene, costruendo molto, sono soddisfatto del modo in cui ho giocato, riuscendo parecchie volte a saltare i difensori avversari. Peccato solo non aver segnato. Ma in generale non cerco mai il goal, preferisco fornire assist, amo divertirmi quando gioco è la cosa più importante. Ora c’è da pensare al prossimo avversario il Sassuolo, che conosco poco, ma mi sembra ben attrezzato. Fisicamente sto bene, il mister mi riempe di consigli, spero di continuare così.” Fedato è osservato speciale del Catania, anche lo stesso giocatore ha ammesso che il direttore tecnico ed amministratore etneo, lo chiama spesso per complimentarsi sulle sue prestazioni. l ventenne è in comproprietà con il Bari, sicuramente la squadra siciliana vorrà intervenire sull’acquisizione del cartellino del numero 19 biancorosso se continuerà a dimostrare il suo valore. Intanto è giunta la notizia della convocazione nella B Italia da parte di mister Piscedda. Il Sassuolo guidato dal tecnico Eusebio Di Francesco ha ripreso gli allenamenti nel pomeriggio di lunedì ritrovandosi al centro sportivo di Ca’Marta. Riscaldamento, lavoro aerobico, esercitazioni sul possesso palla e partitella finale. Fermi ai box Laribi e Valeri. Ieri i neroverdi ha effettuato una doppia seduta.

Nel quadro barese si intrecciano voci economiche legate alla società ed alla vendita dei propri pezzi pregiati già dalla riapertura delle trattative di mercato. I giorni scorsi Antonio Matarrese ha ribadito i gravi problemi in cui l’AS Bari è precipitato negli ultimi, causa errori personali, ma molto più probabilmente causati dalla poca accuratezza nella gestione dei bilanci. Non dimentichiamoci che fino ad un paio di stagioni fa il Bari in serie A aveva un monte ingaggi solo inferiore alle grandi del calcio italiano, se a questo si aggiunge che attualmente si continuano a pagare gli stipendi di Ghezzal e Langella; ecco venir fuori il perché delle attuali condizioni del galletto. Purtroppo c’è da guardare le cose come realmente si presentano, tra un mese difficilmente si avvicinerà un ricco imprenditore pronto a salvare e rilanciare il club e sembra arduo trovare un main sponsor che riesca in qualche modo a contribuire al pagamento delle scadenze di dicembre; per cui ecco che ritornano le voci di possibili cessioni dei vari Bellomo, Ceppitelli, Romizi, Lamanna, Borghese, Fedato, Galano, Caputo solo per citarne alcuni, per autofinanziare la società e permettergli di sopravvivere, ma a che prezzo? Sarebbe un peccato veder sfumare il duro lavoro fatto dal mister per ridare visibilità e gioco ad una squadra che ad inizio stagione a causa anche dei punti di penalizzazione molti davano già per spacciata. L’augurio è che si possa trovare una soluzione intermedia, che possa venir incontro alle esigenze di tutti. Una risposta ai tifosi va data, per il bene di questi colori e per restare nel calcio professionistico ancora a lungo.

 

Davide Annicchiarico

 624 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *