Sport

Il Bari riparte dalla nuova triade dell’area tecnica: Di Cesare, Magalini e Longo

Sono arrivate le tanto attese ufficialità del direttore sportivo e del tecnico

Magalini ha firmato un contratto biennale con il Bari, con l’opzione di rinnovo per un altro anno, in caso di promozione in Serie A. E’ evidente come la società biancorossa abbia trovato un accordo con quella del Catanzaro per accelerare le pratiche rescissorie di Magalini, che lo vedevano legato ancora alla squadra calabrese fino al 30 giungo e poi da una scrittura privata per la prossima stagione. Un tassello che probabilmente ha incentivato questa risoluzione è stato l’accordo incontrato per l’acquisizione di Ciro Polito, ex ds biancorosso, con i calabresi. Ovvio sottolineare come lo scambio abbia non solo agevolato le procedure di rescissione di Magalini e Polito dalle rispettive squadre, ma abbia anche liberato il Bari dall’ingaggio di Polito dalla prossima stagione, essendo ancora vincolato per un anno alla società pugliese. Al Bari, in questa maniera, resterà al libro paga solamente la clausola rescissoria di Beppe Iachini che ammonta circa alla metà del suo ingaggio annuale.

Anche il nuovo tecnico Moreno Longo ha firmato un contratto biennale con opzione di rinnovo, in caso di promozione in A. Ufficializzati i ruoli, si potrà partire con quella che dovrà essere una nuova ‘era De Laurentiis’, azzerando quanto è successo nella scorsa stagione. Da ricordare come il Presidente Luigi De Laurentiis aveva parlato, dopo la promozione in Serie B, di un programma triennale per salire in massima serie e come di conseguenza, quella a venire, avrebbe dovuto essere la stagione in cui si sarebbe dovuto lottare per accedere direttamente alla vittoria del campionato cadetto. Dopo l’annata della scorsa stagione, ad un passo dalla retrocessione in C, sarebbe difficile immaginare come questo possa essere un anno di vera svolta; sarebbe più realistico, invece, pensare che sarà un anno di rifondazione e nuova programmazione.

Inquadrato lo staff tecnico, che vede al di sotto del Presidente Luigi De Laurentiis, la triade composta dal tecnico Moreno Longo, il direttore sportivo Giuseppe Magalini e il dirigente Valerio Di Cesare, si dovrà partire alla costruzione della nuova rosa, con sicuramente l’innesto di almeno 15 nuovi elementi. La società ha provveduto al riscatto del solo Giuseppe Sibilli, tra i tesserati della scorsa stagione in prestito. Sibilli che, tra l’altro, è stato incoronato al terzo posto dalla Lega di Serie B per il quantitativo di dribbling effettuati nella scorsa stagione, in tutto 67. Molti saranno, però, i giocatori di proprietà che rientreranno dai prestiti da altre squadre. Allo stato attuale la rosa del Bari è costituita da: portieri Pissardo e Pellegrini; difensori Vicari, Matino, Zuzek, Pucino, Dorval, Ricci, con il rientro di Celiento e Mane; centrocampisti Maita, Lulic, Maiello, Benali, Bellomo, con il rientro di Astrologo, Faggi, Lops e D’Errico; attaccanti Sibilli, Morachioli, Achik, Colangiuli, con il rientro di Schiedler, Simeri, Ahmetaj, Akpa-Chukwu e Scafetta. Nel complesso ci saranno sicuramente da valutare le caselle over ed under, con la situazione di Morachioli ed Achik che andranno ad occupare le caselle over da quest’anno.

Parallelamente il Bari sta iniziando a guardare al mercato, come dichiarato da indiscrezioni recuperate dell’emittente Telebari, e sta mostrando interesse per due giovani di proprietà del Napoli. Il primo è Ambrosino, centravanti classe 2003 che, nella scorsa stagione, ha indossato la maglia del Catanzaro. Il secondo è Sgarbi, una seconda punta classe 2001, che ha giocato con l’Avellino di Perinetti. Sembra, quindi, che la società stia partendo con l’inquadrare la casella degli attaccanti.

Per domani dovrebbe essere prevista la conferenza stampa tenuta dal Presidente De Laurentiis al San Nicola, in cui ci saranno le presentazioni ufficiali di tutto il quadro dirigenziale con cui poter ripartire e anche l’annuncio della programmazione e degli obiettivi per la prossima stagione, a partire dal ritiro estivo.

In linea di massima, la squadra dovrebbe radunarsi l’8 luglio, per partire il 10 per Roccaraso, dove dovrebbe restare fino al 24 luglio, approssimativamente. (ph. Catanzaro Calcio / Tess Lapedota)

T.L.


Pubblicato il 20 Giugno 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio