Primo PianoSport

Il Bari torna alla vittoria al San Nicola e allontana la zona calda

Quest’oggi si è disputata la sfida di campionato i serie B tra Bari e Sudtirol valevole per la sedicesima giornata. Il Bari senza Nasti squalificato e Diaw infortunato, ha però richiamato almeno in panchina Menez. Marino dal primo minuto ha riproposto la difesa a quattro, con tre centrocampisti ed i tre di attacco con il flaso nueve Sibilli coadiuvato da Aramu e Achik.

GARA – Dopo quattro minuti di gioco il Sudtirol subito pericoloso con Casirgahi ma la difesa biancorossa ha respinto. Quattro minuti dopo, all’ottavo sugli sviluppi di un corner battuto da Casiraghi stavano sfiorando il gol con un colpo di testa, il primo respinto in qualche modo da Brenno, il secondo da Rauti è terminato fuori di un soffio. Il dato dei tifosi, stimato dall’Ufficio Stampa del bari è di 13.583 di cui 8.809 abbonati e 48 tifosi ospiti. Al tredicesimo Cuomo è stato espulso per entrata grave sulla caviglia di Sibilli, l’arbitro però prima di prendere la decisione definitiva ha rivisto l’azione al Var. Il tecnico Valente ha così inserito Vinetout per Rauti per riportare la parità difensiva, centrocampo a quattro e lasciando il solo Merkaj in attacco. AL venticinquesimo il Bari si è portato in vantaggio con gol dal dischetto di Sibilli, quinto stagionale grazie ad un fallo commesso da Lunetta ai danni di Ricci. Al trentacinquesimo Vinetout stava per segnare il gol del pari che è arrivato di lì ad un minuto dopo, con lo stesso, al minuto 37’ sugli sviluppi di un corner ha trafitto Brenno da distanza ravvicinata ed in mischia con dormita della difesa barese.  Il Bari si è reso pericoloso soltanto al quarantunesimo minuto con Achik ma la palla è sorvolata sulla traversa. Cinque sono stati i minuti di recupero concessi prima della fine del primo tempo. Per gli ultras Bari anche uno striscione per ricordare un loro fratello scomparso, oltre un annetto fa, ma rimasto nei cuori. Ad inizio primo tempo Marin o ha effettuato un doppio cambio con Enjouma e Dorval ai rispettivi posti di Pucino e Acampora. Dopo dieci minuti dall’inizio della ripresa ci hanno provato prima Dorval dalla distanza e poi Achik direttamente da calcio d’angolo. Al 58’ Sibilli, tra i migliori in campo per il Bari dalla sua mattonella preferita ha provato la rasoiata ma la palla è terminata fuori, con i Galletti che due minuti dopo si sono visti annullare un gol ad Aramu, per una spinta ravvisata ai danni di un difensore avversario. All’oretta di gioco Poluzzi, l’estremo difensore altoatesino ha parato in due tempi un tentativo a rete di Achik. Al sessantacinquesimo ci ha provato Sibilli per il bari ma il suo tiro è stato deviato in corner. Cinque minuti dopo mister Valente ha inserito Pecorino e Ciervo per Merkaj e Lunetta. Al 70esimo su sponda di Aramu (sporcata da Ghirgnelli), Valerio Di Cesare con un sinistro chirurgico ha segnato il suo secondo gol stagionale e rete del vantaggio Un minuto dopo Marino ha inserito Morachioli per Aramu. Qualche minuti accenno di rissa tra le due compagini, con i giocatori altoatesini a provocare una reazione dei padroni di casa, anche se l’arbitro ha riportato la calma. Sibilli tuttavia è stato ammonito e salterà la prossima perché diffidato, mentre dall’altra parte Davi. A cinque dalla fine Morachioli ha sparato alto alle stelle su assist invitante di Sibilli.
Il direttore di gara Cossu della sezione di Reggio Calabria come nel primo tempo ha assegnato cinque minuti di recupero. Al terzo minuto di recupero Benali è stato rilevato dal barese Nicola Bellomo. Il Bari torna alla vittoria dopo due sconfitte di fila, proiettandosi a meno tre dal Palermo, in attesa che giochi lo scontro diretto contro il Catanzaro. La prossima gara dei biancorossi sarà venerdì sera in trasferta contro lo Spezia Calcio. In tribuna presente Daniele Sciaudone, ex leader biancorosso del Bari della fantastica stagione fallimentare, premiato anche dal produttore di 100x100Eventi per il film sul  suo ex compagno Edgar Cani, in cui ha recitato anche lui con un piccolo ma importante ruolo. (Ph. Tess Lapedota).

TABELLINI & PAGELLE

Bari (4-3-3): Brenno 5.5; Pucino 6 (45’ s.t. Dorval 6), Di Cesare 7, Vicari 6, Ricci 6; Koutsoupias 6 (79’ s.t. Maita s.v.), Benali 6 (93’ s.t. Bellomo s.v.), Acampora 5.5 (45’ s.t. Edjouma 6); Aramu 6.5 (73’ s.t. Morachioli 5.5), Sibilli 7, Achik 6. All. Marino 6.5

A disp: Pissardo, Matino, Zuzek, Frabotta, , Faggi, Menez, Ahmetaj.

Sudtirol (4-4-2): Poluzzi 6; Ghiringhelli 5 (75’ s.t. Cisco), Giorgini 6, Cuomo 5, Davi 5.5; Lunetta 5.5 (65’ s.t. Ciervo s.v.), Tait 6, Peeters 5.5, Casiraghi 6.5 (75’ s.t. Cagnano s.v.); Rauti 5.5 (18’ s.t. Vinetout 7), Merkaj 6.5 (65’ s.t. Pecorino s.v.). All. Valente 6.

A disp: Drago, Arlanch, Shiba, Cagnano, Broh, Kofler, Lonardi, Moutassime,.

Arbitro:  Francesco Cosso. Assistenti: Andrea Zingarelli-Fabrizio Aniello Ricciardi . Quarto ufficiale: Valerio Pezzopane. VAR: Matteo Gariglio. AVAR: Oreste Muto

Ammoniti: Acampora, Sibilli (Bari), Ghiringhelli, Peeters, Davi (Bari)

Espulsione: Cuomo (Sudtirol)

Marcatori: 25’ p.t. Sibilli (Bari), 37’ p.t. Vinetout (Sudtirol), 70 s.t. Di Cesare (Bari)

Note: Il dato dei tifosi, stimato dall’Ufficio Stampa del Bari è di 13.583 di cui 8.809 abbonati e 48 tifosi ospiti. 5’ i min. di recupero nel p.t. 5’ i min. di recupero nel s.t.

 

Marco Iusco


Pubblicato il 9 Dicembre 2023

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio