Il resoconto del 2020 dell’amministrazione Decaro non è solo “rose e fiori”
14 Maggio 2021
Il romanzo ironico scritto della bitontina Chiara Cannito: “Torno subito”
15 Maggio 2021

Il maestro Riccardo Muti dirigerà tre concerti “in presenza”

Il maestro Riccardo Muti dirigerà la sua “Orchestra Giovanile Luigi Cherubini” al Teatro Petruzzelli. Un ritorno tanto atteso per la città di Bari e per il pubblico del Petruzzelli che, grazie alla disponibilità del maestro Muti, potrà fruire di ben tre concerti.

L’Orchestra Cherubini sarà la prima Orchestra europea di prestigio internazionale ad esibirsi al Teatro Petruzzelli dopo il periodo di chiusura causato dall’emergenza sanitaria.

Mercoledì 2, giovedì 3 e venerdì 4 giugno, sempre alle ore 19.00 e naturalmente in presenza Muti dirigerà un programma dedicato alla Sinfonia n. 3, in Re maggiore, D. 200 di Franz Schubert ed alla Sinfonia n. 9, in mi minore, op. 95 “Dal Nuovo Mondo” di Antonín Dvořák.

Riccardo Muti, direttore della leggendaria Chicago Symphony Orchestra, ha appena ricevuto con la Filarmonica di Vienna il prestigioso premio del pubblico “Romy 2021” per il Momento Televisivo dell’Anno, con il Concerto di Capodanno 2021 ed è reduce dallo straordinario successo della tournée italiana con i Wiener Philharmoniker, organizzata per celebrare gli ottant’anni che il Maestro compirà a luglio. La tournée ha toccato le tre città di Ravenna, Firenze e Milano, segnando il ritorno del pubblico in sala, dopo mesi di concerti trasmessi solo in streaming. Il concerto alla Scala di Milano sarà trasmesso da RAI Italia, in stretta collaborazione con la European Broadcast Union (EBU). L’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, fondata da Riccardo Muti nel 2004, ha assunto il nome di uno dei massimi compositori italiani di tutti i tempi, attivo in ambito europeo per sottolineare, insieme a una forte identità nazionale, la propria inclinazione a una visione europea della musica e della cultura. ’Orchestra, che si pone come strumento privilegiato di congiunzione tra il mondo accademico e l’attività professionale, divide la propria sede tra le città di Piacenza e Ravenna. La Cherubini è formata da giovani strumentisti, tutti sotto i trent’anni e provenienti da ogni regione italiana, selezionati attraverso centinaia di audizioni da una commissione costituita dalle prime parti di prestigiose orchestre europee e presieduta dallo stesso Muti. Secondo uno spirito che imprime all’orchestra la dinamicità di un continuo rinnovamento, i musicisti restano in orchestra per un solo triennio, terminato il quale molti di loro hanno l’opportunità di trovare una propria collocazione nelle migliori orchestre.

In questi anni l’Orchestra, sotto la direzione di Riccardo Muti, si è cimentata con un repertorio che spazia dal Barocco al Novecento alternando ai concerti in moltissime città italiane importanti tournée in Europa e nel mondo nel corso delle quali è stata protagonista, tra gli altri, nei teatri di Vienna, Parigi, Mosca, Salisburgo, Colonia, San Pietroburgo, Madrid, Barcellona, Lugano, Muscat, Manama, Abu Dhabi, Buenos Aires e Tokyo.

Il debutto a Salisburgo, al Festival di Pentecoste, con Il ritorno di Don Calandrino di Cimarosa, ha segnato nel 2007 la prima tappa di un progetto quinquennale che la rassegna austriaca, in coproduzione con Ravenna Festival, ha realizzato con Riccardo Muti per la riscoperta e la valorizzazione del patrimonio musicale del Settecento napoletano e di cui la Cherubini è stata protagonista in qualità di orchestra residente.

A Salisburgo, poi, l’Orchestra è tornata nel 2015, debuttando – unica formazione italiana invitata – al più prestigioso Festival estivo, con Ernani: a dirigerla sempre Riccardo Muti, che l’aveva guidata anche nel memorabile concerto tenuto alla Sala d’Oro del Musikverein di Vienna, nel 2008, pochi mesi prima che alla Cherubini venisse assegnato l’autorevole Premio Abbiati quale miglior iniziativa musicale per “i notevoli risultati che ne hanno fatto un organico di eccellenza riconosciuto in Italia e all’estero”.

Al Ravenna Festival, dove ogni anno si rinnova l’intensa esperienza della residenza estiva, la Cherubini è regolarmente protagonista di nuove produzioni e di concerti, nonché, dal 2010, del progetto “Le vie dell’Amicizia” che l’ha vista esibirsi, tra le altre mete, a Nairobi, Redipuglia, Tokyo, Teheran, Kiev e nel 2019 ad Atene, sempre diretta da Riccardo Muti.

La gestione dell’Orchestra è affidata alla Fondazione Cherubini costituita dalle municipalità di Piacenza e Ravenna e dalle Fondazioni Toscanini e Ravenna Manifestazioni.

L’attività dell’Orchestra è resa possibile grazie al sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali del Turismo. Per ciò che riguarda l’acquisto dei biglietti avranno priorità e saranno direttamente contattati i sostenitori che hanno deciso di rinunciare ai voucher e ai rimborsi per gli spettacoli cancellati, a causa dell’emergenza sanitaria, a favore della Fondazione Petruzzelli. A partire da lunedì 17 maggio potranno acquistare i biglietti gli abbonati alla “Stagione Concertistica 2020” ed avranno priorità fino a sabato 22 maggio. Gli abbonati alla “Stagione Concertistica 2020” potranno effettuare l’acquisto via mail scrivendo a botteghino@fondazionepetruzzelli.it, allegando foto o scansione del voucher, indicando il settore preferenziale e la data, i posti saranno assegnati dal botteghino, in base alla migliore disponibilità. Da lunedì 24 maggio alle 11.00 la vendita sarà aperta a tutti sul sito www.vivaticket.it. I possessori di voucher potranno effettuare l’acquisto via mail scrivendo a botteghino@fondazionepetruzzelli.it, allegando foto o scansione del voucher e indicando il settore preferenziale e la data, i posti saranno assegnati dal botteghino in base alla migliore disponibilità.

 193 total views,  3 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *