Autismo: mamme che aspettano un anno per avere una diagnosi
4 Aprile 2019
Ecco com’è ridotta Torre Quetta, a pochi mesi dalla stagione estiva
5 Aprile 2019

In arrivo 300 infermieri nelle corsie degli ospedali baresi

Alleluia, una boccata d’ossigeno nelle corsie degli ospedali pugliesi: complessivamente saranno trecento le assunzioni di infermieri precari da destinare alla Azienda Sanitaria Locale di Bari e all’Azienda Consorziale Policlinico, che ricomprende anche il Pediatrico di via Amendola. Un centinaio di unità saranno assunte subito e poi, con l’approvazione del piano di fabbisogno, saranno assunte altre duecento unità. Nel darne notizia, il Dipartimento Politiche per la Salute della Regione Puglia ha anche ricordato che già con delibera del 2 Aprile scorso infatti, l’Asl del capoluogo aveva pure disposto il conferimento di una quarantina di incarichi di infermiere per la necessità di sopperire alle urgenti e inderogabili esigenze assistenziali dovute all’assenza di personale, a vario titolo. Il conferimento degli incarichi, vale la pena rammentare, è stato completato in applicazione delle direttive regionali le quali dispongono che, nelle more della revisione e dell’approvazione del Piano del Fabbisogno di personale, si deve continuare a fare riferimento alle vigenti dotazioni organiche. La graduatoria, allo stato, a seguito di apposita richiesta, sarà utilizzata anche per soddisfare le carenze del Policlinico di Bari con l’assunzione di altre cinquantacinque unità. Pertanto i candidati interessati, in sede di convocazione, avranno la possibilità optare per l’assegnazione ad una delle due Aziende. Con l’approvazione del Piano del Fabbisogno si procederà, nell’immediato, all’assunzione a tempo determinato di ulteriori duecento unità necessarie per l’attivazione dei servizi previsti dal Piano di Riordino delle Rete ospedaliera e dei nuovi modelli organizzativi territoriali, con la conseguente attivazione delle procedure selettive a carattere regionale previste per legge per l’assunzione a tempo indeterminato. Si completa, dunque, la stabilizzazione del personale precario della sanità pugliese, che già il presidente pugliese Emiliano, dopo un lungo lavoro di ricucitura svolto dall’Assessorato da lui stesso guidato, aveva annunciato nei mesi scorsi. Un lavoro certosino, passato tempo fa per le aziende sanitarie pugliesi con la pubblicazione degli elenchi contenenti i nominativi di tutti coloro che avevano titolo alla stabilizzazione del loro rapporto di lavoro. Accanto a questi elenchi, pubblicato anche l’elenco unico regionale dal momento che il lavoratore aveva maturato il diritto all’assunzione a tempo indeterminato (sulla base dei criteri stabiliti per legge e, di recente, con l’ultimo “Decreto Madia”) in più di una azienda. <Un obiettivo importante e strategico per l’amministrazione regionale che consentirà di dare nuova linfa a tutto il sistema sanitario pugliese, dando certezze e garanzie a tanti lavoratori precari, con l’effetto immediato di migliorare certamente le performance complessive delle prestazioni e dell’assistenza del sistema sanitario pubblico della Puglia>, gongolavano i consiglieri vicini alla maggioranza che regge l’ente Regione. Dunque, si sta procedendo coi piedi di piombo secondo la graduatoria del concorso espletato l’anno scorso, mentre partiranno i concorsi per nuovo personale medico al fine di rimpiazzare i pensionamenti tra il 2017 e il 2018. Assunzioni che si aggiungono a quelle che hanno interessato, sebbene con numeri più contenuti, tecnici di laboratorio, tecnici di radiologia, trasfusionisti, psicologi. Più in generale, in ogni caso, si tratta di un vero e proprio “nuovo inizio” per la sanità pubblica pugliese, frutto del lavoro svolto in questi ultimi tre anni che, anche al costo di sacrifici e incomprensioni, sta consentendo a tutto il sistema sanitario regionale di uscire da una lunga paralisi coincisa con i molti anni di “commissariamento” da parte dello Stato centrale. (adl)

 637 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *