Cronaca

Informato anche il Prefetto: ancora senza stipendio gli elettricisti del Policlinico

Sono una quindicina gli operai addetti alla manutenzione di tutti i comparti elettrici all’interno del Policlinico Consorziale di Bari ad essere rimasti senza stipendio perché la ditta incaricata dalla stessa azienda consorziale barese, da febbraio scorso, non ha onorato gli impegni stipendiali. E Luigi Cipriani, segretario del sindacato autonomo ‘Indipendente-Libertà G.I.L.- Sanità’, ieri ha deciso di rompere gli indugi, scrivendo prima al Prefetto Nunziante e amministratori interessati alla vertenza in atto e poi proclamando addirittura lo sciopero, tra una settimana esatta. E così mercoledì prossimo gli operai della ditta ‘Campanale Giovanni & C.S.r.l.’ di Bari saranno costretti a incrociare le braccia se la società datrice di lavoro non avrà ancora corrisposto lo stipendio di febbraio. <>, ripete il battagliero sindacalista ed ex consigliere comunale barese. Che, per far capire che stavolta fa sul serio, ha chiesto anche l’immediato intervento della Direzione dell’Azienda Policlinico e della ditta ‘Manutencoop’, in veste di azienda-aggiudicataria dell’appalto di manutenzione del comparto elettrico, di voler intervenire affinché il comportamento ‘omissivo’ abbia fine, salvaguardando il “…sacrosanto diritto dei lavoratori”. Ma sul tavolo di Cipriani sono pronte a partire anche altre missive, prima tra tutte una ‘denuncia formale’ sia all’Ispettorato del Lavoro e sia all’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Tutto questo affinché anche questi enti adottino i provvedimenti mirati a beneficio dei lavoratori ancora senza salario. Invece al Direttore Generale dell’Azienda Policlinico Dattoli e alla ditta  ‘Manutencoop F.M. S.p.a’ toccherà valutare rapidamente, in base alle norme in vigore, se ci siano le condizioni per la rescissione del contratto di subappalto, sempre a causa delle gravi violazioni contrattuali. Violazioni di legge che, inutile dirlo, ledono i diritti dei lavoratori, ma anche quelli degli operatori che nel più grande nosocomio barese ci lavorano ogni santo giorno, per le innumerevoli conseguenze che ne potrebbero derivare. Ed è anche per questo che, come detto, dal primo turno di lavoro di mercoledì prossimo, 8 aprile, gli operai addetti alla manutenzione elettrica dell’Azienda Policlinico si asterranno dal lavoro per 24 ore, garantendo in ogni caso –come ci tiene a sottolineare il segretario Gil/sanità- il numero di presenze necessario, così come previsto dalle norme contrattuali. A questo punto non resta che augurarsi, come in ogni caso assicurano dagli uffici della ditta barese finita nell’occhio del ciclone, che tutto si risolva nel giro di qualche altro giorno, prima di altri esposti, denunce e scioperi all’interno del secondo ospedale del Mezzogiorno.

Francesco De Martino


Pubblicato il 1 Aprile 2015

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio