Cronaca

La crisi non perdona: schizzano i prezzi, ma cresce l’export ortofrutticolo

Notizie belle, ma anche brutte, come accade spesso per produttori e consumatori pugliesi. Certo, si potrebbe partire dal cospicuo aumento delle esportazioni <<made in Puglia>>, ma non senza considerare anche l’aumento dei costi per la spesa, in particolare della frutta nel carrello: ortofrutta-prima voce di spesa delle famiglie aumenta di oltre 105 euro al mese. Per fortuna, come detto, crescono le esportazioni di prodotti agricoli dalla nostra regione del 6,5%, con più frutta e ortaggi sbarcati in Germania (più 4%), ma il risultato è praticamente del tutto azzerato dal traumatico aumento dei costi di trasporto con picchi del +51% trainati dal prezzo dei carburanti e dalla carenza di infrastrutture e snodi commerciali in Italia. E’ quanto emerge, in sintesi, dall’analisi di Coldiretti/Puglia, su dati Istat Coeweb, in occasione della principale fiera internazionale di settore a Berlino, dove la Regione Puglia si presenta forte dell’aumento delle esportazioni dei prodotti ortofrutticoli, ma perde nel 2021 il 37% di scambi con l’estero di frutta e ortaggi lavorati e conservati. A dirla tutta, ovviamente, la guerra in Ucraina e rincari energetici spingono l’aumento dei costi correnti per la produzione della frutta a +51% – aggiunge Coldiretti Puglia – ma si sale addirittura al 67% per l’ortofloricoltura con un impatto traumatico sulle aziende agricole. In questo scenario l’impennata dei prezzi dei carburanti – continua Coldiretti regionale – rischia di scatenare una tempesta sui costi della logistica con la Puglia che paga il gap delle infrastrutture logistiche non ancora adeguate per il trasporto merci rispetto ai concorrenti degli altri Paesi. In Italia il costo medio chilometrico per le merci del trasporto pesante è pari a 1,12 euro al chilometro, più alto di nazioni come la Francia (1,08 euro/chilometro) e la Germania (1,04 euro/chilometro), ma addirittura doppio se si considerano le realtà dell’Europa dell’Est: in Lettonia il costo dell’autotrasporto è di 0,60 euro al chilometro, in Romania 0,64 euro/chilometro; in Lituania 0,65 euro/chilometro, in Polonia 0,70 euro/chilometro secondo l’analisi di Coldiretti su dati del Centro Studi Divulga. La crisi colpisce direttamente imprese e famiglie con l’ortofrutta che è – sottolinea Coldiretti regionale – la prima voce di spesa per una media di oltre 105 euro al mese, con una inversione di tendenza nei consumi che si sono ridotti del 3% per un quantitativo totale che è sceso a 5,9 milioni di tonnellate lo scorso anno. Uno scenario preoccupante per il settore ortofrutticolo pugliese che – spiega Coldiretti regionale – oltre al mercato consolidato in Germania, si è imposto in Tunisia, Francia, Polonia, Regno Unito e Svizzera, oltre a Benelux, Scandinavia, Spagna, Albania, Grecia. In particolare ha numeri da record su pesche, uva da tavola e agrumi per quanto riguarda la frutta, mentre nelle produzioni ortive su lattughe, fave, carciofi e pomodori da industria. Eppure la specializzazione strutturale dell’orticoltura pugliese, legata alla flessibilità e tradizione imprenditoriale, consente in sostanza di proporre una gamma più ampia di prodotti e si manifesta anche in termini di performance produttive. Tutto ciò va tutelato e promosso sui mercati italiani e mondiali. Tornando ai numeri che difficilmente mentono, il 27% delle aziende presenta una produzione di ortive, mentre il 58% in quella di fruttiferi. Le percentuali si invertono ove si consideri la SAU, visto che per le coltivazioni ortive la SAU aumenta al 55,7% mentre l’incidenza dei fruttiferi sulla superficie complessiva scende al 33,7%. Le dinamiche intercensuarie evidenziano un processo di ristrutturazione aziendale, con una forte riduzione della numerosità delle aziende, cui è associato un aumento della SAU, particolarmente significativo nel comparto delle ortive. Ancora bassa invece la capacità di esportazione nelle Americhe, in Cina, in Russia, in Giappone – conclude Coldiretti Puglia – un tema su cui impattano problematiche di conservazione degli alimenti, complessità logistica e lontananza dei mercati. A questo -come detto sopra – s’è aggiunto il balzo dell’energia che ha fatto impennare i costi – sottolinea Coldiretti regionale – dal riscaldamento delle serre ai carburanti per la movimentazione dei macchinari, dalle materie prime ai fertilizzanti, con spese più che raddoppiate, fino agli imballaggi, con gli incrementi che colpiscono dalla plastica per le vaschette, le retine e le buste (+72%), alla carta per bollini ed etichette fino al cartone ondulato per le cassette (+77%), stesso trend di rincari per le cassette in legno, mentre si allungano anche i tempi di consegna, in qualche caso addirittura quintuplicati. Conclusione? Per difendere il patrimonio ortofrutticolo italiano è necessario intervenire per contenere il caro energia ed i costi di produzione con interventi immediati e strutturali per programmare il futuro, lavorando per accordi di filiera con precisi obiettivi qualitativi e quantitativi e prezzi equi che non scendano mai sotto i costi di produzione come prevede la nuova legge di contrasto alle pratiche sleali. Ma occorre investire per aumentare produzione e le rese dei terreni con bacini di accumulo delle acque piovane per combattere la siccità ma bisogna anche contrastare seriamente l’invasione della fauna selvatica (…il riferimento ai cinghiali è fin troppo chiaro e lampante) che devasta il territorio, costringendo in molte zone interne all’abbandono dei terreni. A questo punto, il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) finanziato col Recovery Fund può essere determinante, tra l’altro, per agire sui ritardi strutturali dell’Italia e sbloccare infrastrutture che migliorerebbero i collegamenti tra Sud e Nord del Paese e anche col resto del mondo per via marittimo e ferroviaria ad alta velocità.

Antonio De Luigi


Pubblicato il 7 Aprile 2022

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio