Ercole, da Taranto a Roma
25 Gennaio 2020
Emiliano “disertore”: “Il Presidente fugge dinanzi alle commissioni”
25 Gennaio 2020

La nuova piazza del Redentore, è corsa contro il tempo

Sta diventando una vera e propria corsa contro il tempo, dopo che l’estate scorsa, nel corso di un suo sopralluogo, l’assessore comunale ai Lavori Pubblici Giuseppe Galasso ha promesso che entro la fine di questo mese i lavori per riqualificare piazza del Redentore al quartiere Libertà sarebbero belli e terminati. Ce la farà, dopo che il primo aprile dell’anno scorso sono cominciati, appunto, i lavori di riqualificazione di piazza Redentore? interventi che interesseranno le vie Crisanzio e Martiri d’Otranto in corrispondenza della scuola San Giovanni Bosco e dell’Istituto Salesiano Redentore. L’intervento, del valore complessivo di 1 milione 200mila euro, rientra tra le opere finanziate col “Programma per la riqualificazione urbana e sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluoghi di provincia” (Piano periferie 2016) con l’obiettivo di creare, in un quartiere da sempre caratterizzato da alta densità abitativa e mancanza di verde, nuovi spazi di aggregazione, “”…attraverso la ricucitura delle maglie urbane, l’ampliamento delle superfici di attraversamento e di sosta pedonale, il potenziamento delle aree a verde e dell’illuminazione””, si leggeva in uno dei tanti comunicati stampa diramati dal Palazzo di Città. Sarà quindi realizzata una grande piazza di quartiere a forma di L, di circa 5mila mq, di cui metà d’asfalto a fronte di una pavimentazione in lastre di pietra locale per un totale di circa 4mila mq, con la messa a dimora di una ventina di alberi (sedici di canfora e tre di pino) e la piantumazione di nuove piante di agapanthus nelle aiuole. Previsti un’area giochi per bambini (circa 500 mq), pavimentata in gomma, il posizionamento di una trentina di  panchine e poi cestini portarifiuti per la raccolta differenziata, portabici e perfino dissuasori per delimitare la corsia di traffic calming, che sarà istituita sul tratto finale di via Crisanzio. Sarà inoltre ampliato e rinnovato il marciapiede antistante i locali commerciali di via Crisanzio, prospicienti la piazza. Per quanto riguarda la pubblica illuminazione e la sicurezza, saranno installati nuovi corpi illuminanti a led ad alto risparmio energetico e una dozzina di postazioni della rete di videosorveglianza pubblica. L’accessibilità alla piazza per le persone con limitata capacità motoria sarà garantita sia dalla realizzazione di idonee rampe in pietra, poste in corrispondenza di ciascuna intersezione con la viabilità esistente, sia dalla complanarità di tutta la superficie pedonalizzata. E le note dolenti? Beh, per gli spazi destinati alla sosta delle auto dei residenti, ridotti a seguito della pedonalizzazione, la larghezza della sezione stradale del tratto finale di via Martiri d’Otranto, sarà “”opportunamente”” ridisegnata, hanno promesso dal Comune, “”…con appalti di manutenzione straordinaria strade e marciapiedi, recuperando tutti gli spazi di sosta persi. Bene, e chi sta realizzando lo scivolo per disabili, dopo aver abbattuto parte del recinto della stessa chiesa per la realizzazione di quello scivolo, appunto, all’esterno della chiesa del Redentore? Martedì alcuni residenti, dopo aver scattato le loro fotografie, hanno notato che gli operai della stessa ditta che sta realizzando i lavori della nuova piazza sono al lavoro anche per la rampa disabili con cui si accede alla chiesa, chiedendosi se quei lavori rientrano nell’intervento progettato dall’Ente? Per carità, i disabili vanno tutelati ed è più che giusto abbattere le barriere architettoniche, ma trattandosi di denari pubblici e interventi che potrebbero essere (il condizionale è obbligatorio…) a beneficio del patrimonio ecclesiastico, un chiarimento non avrebbe fatto male a nessuno. Peccato che il ‘mobile’ dell’assessore non era raggiungibile….

Francesco De Martino

 557 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *