Complesso Aldo Moro a Ceglie del Campo: nelle fondamenta una necropoli abbandonata
23 Luglio 2010
Sulla spina l’indice della mamma
26 Luglio 2010

La Procura di Bari avvia nuove indagini sulla Bridgestone

Quando a settembre sarà operativa la nuova riorganizzazione della Procura, verrà istituito anche un gruppo di magistrati che avranno il compito di occuparsi di malattie professionali all’interno del pool reati ambientali. «Questa – ha detto ieri mattina Laudati conversando con i giornalisti – è una vera tragedia sociale. Per i magistrati è difficilissimo accertare le responsabilità penali, perchè le malattie professionali si manifestano a molti anni di distanza dall’esposizione alle sostanze nocive, i cui effetti sono incalcolabili». Il capo della Procura barese ha quindi chiesto ai sostituti baresi titolari dei vari fascicoli d’inchiesta sulla Bridgestone, tra i quali Patrizia Rautis, una relazione sullo stato delle indagini, aperti dopo i centinaia di esposti presentati dagli ex lavoratori. Su questa vicenda – viene fatto notare in ambienti giudiziari – Bari guarda all’esempio di Latina, dove una sentenza ha condannato i dirigenti dell’azienda Goodyear per omicidio colposo plurimo e lesioni plurime aggravate a danno di decine di ex dipendenti. Tutto è legato a stabilire il nesso di causalità tra l’esposizione all’amianto, le malattie contratte e i tumori. Gianluigi Cesari, responsabile dell’associazione ‘Esposti Amianto’ in la Puglia, esprime soddisfazione per la decisione della Procura barese di accertare le responsabilità sui decessi per amianto, invitando gli inquirenti ad allargare il cerchio : “Le nostre denunce sui problemi legati alla presenza dell’amianto sono partite in tempi non sospetti e riguardavano tutta la Zona Industriale di Bari, tenendo presente anche altre questioni collegate ai cicli produttivi a rischio per la presenza di parecchie altre sostanze chimiche nocive e altamente pericolose per i lavoratori. Sulla Bridgestone sarebbe interessante –continua Cesari- chiedere lumi all’Inail, l’istituto che con la sua banca dati, oltre al ruolo di assicurazione, aveva ed ha l’obbligo di svolgere i suoi compiti ispettivi sui posto di lavoro”. (fdm)    

 589 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *