Parte il lavaggio straordinario di strade e marciapiedi
29 Luglio 2022
Uniba, infezioni ridotte per i sanitari dopo il vaccino
29 Luglio 2022

La ricerca dell’attaccante non si ferma

La ricerca dell’attaccante non si ferma, il diesse Ciro Polito è al lavoro. Un altro dei nomi accostati al Bari, Ernesto Torregrossa, attaccante della Samp si accasa al Pisa con la formula del prestito altrove al Cagliari è arrivato Lapadula, al Palermo confermato Brunori, Moro al Frosionone, La Gumina al Benevento e forse il Genoa potrebbe far tornare El Sharawy agli ordini di mister Blessin. Una serie B solo sulla carta perché per chi vorrà competere per le primissime posizioni non sarà semplice, ma complicatissimo. L’obiettivo dichiarato dalla società è quello di raggiungere la permanenza della categoria quanto prima, e poi se verrà il resto strada facendo sarà doveroso provarci, ed intanto sempre ieri in casa Bari, ma anche per il Verona e Mantova, è giunta la notizia che la legge sulle multiproprietà è stata modificata prolungando la doppia proprietà sino al 2028, mantenendo però intatto quel regolamento ferreo che nella stessa serie due club con la stessa proprietà non so potrebbero affrontare ed uno dovrà essere ceduto. Motivo di orgoglio e soddisfazione in casa Bari che ha fatto annullare tempestivamente i ricorsi che erano in atto. Resta però che l’organico di mister Michele Mignani è ancora incompleto e necessita di una punta dalla doppia cifra, di un altro terzino, specie se Belli doversi accasarsi altrove, ricercato quest’ultimo da Padova, Pescara e Foggia, e probabilmente di un vice Maiello anche se gli acquisti di Benedetti (più mezzala), Bellomo e Folorunsho potrebbero sopperire a tale ruolo, le pedine in tal caso non mancano. Mentre in attacco, è quasi doveroso continuare a provarci non necessariamente un nome altisonante ma un giocatore che garantisca quei gol e di sbloccare tante partite che potrebbero essere bloccate sul pari o dove servirà la classica zampata vincete del bomber di razza. I nomi in lizza per la punta, sono quello di Simy della Salernitana, in uscita dal club campano e quello della punta del Monza, Christian Lund Gytkjaer, quest’ultimo sarebbe un vero colpo da 90 ma per il momento la squadra di Berlusconi sembra non intenzionata a privarsene. L’altro nome accostato al Bari è Alfredo Donnarumma riscattato dal presidente Bandecchi che non se ne priverebbe facilmente, ma non è escluso che dallo stesso club si possa puntare ad un altro attaccante che ha fatto molto bene in Lega Pro, nel girone C dove ha trionfato il Bari ma che contro i Galletti ci ha anche segnato, ma al momento manteniamo il riserbo perché è solo una suggestione ed il direttore Ciro Polito ha abituato la piazza barese a colpi di teatralità.  Intanto ieri alle 19 allo store dello stadio San Nicola si è svolto un bel momento di fidelizzazione con i tifosi, perché i calciatori Terranova e Maita hanno firmato autografi sugli almanacchi in vendita nei punti official store, edito da Gelso Rosso con la collaborazione dell’Area Comunicazione della Ssc Bari e LA Content Academy Srl.  Mentre oggi alle ore 12.00 nella sede di Corato della famiglia Casillo, main sponsor della Ssc Bari, si svolgerà l’evento di presentazione dei kit gara ufficiali del Bari per la stagione sportiva 2022/23 alla presenza del presidente Luigi De Laurentiis. Infine, domenica, avrà avvio la 51esima sfida tra Bari e Padova, per la prima volta in Coppa Italia, l’ultima era stata in B il 26 aprile 2014 con il Bari che si impose 1-2 in trasferta mentre all’andata pareggiò 2-2 e sull’altra panchina c’era lex tecnico biancorosso, Bortolo Mutti. Tuttavia, mister Mignani potrebbe schierare la seguente formazione con Frattali tra i pali, Dorval e Pucino sulle corsie esterne, Ficari centrale difensivo insieme a capitan Valerio Di Cesare in leggero vantaggio su Terranova, in mediana il solito trio composto da Maita, Maiello play e D’Errico favorito su Mallamo e Bellomo, in cabina di regia Botta in ballottaggio con Galano a supporto di Antenucci certo del posto insieme a Cheddira che potrebbe essere scavalcato last-minute da Cangiano in grande forma e scalpitante. (Ph. Tess Lapedota).

M.I.

 

 227 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *