Auteri: “Stupito dal gruppo dei veterani, vogliamo continuare ad emozionare”
17 Ottobre 2020
Quanto è lontana l’alba d’Eduardo?
17 Ottobre 2020

La spada dello Svevo

Affacciato sulla Heldenplatz, a Vienna, si estende su una superficie di 240mila mq l’Hofburg, un complesso architettonico composto da una serie di residenze e palazzi :  la Cappella Imperiale, il Museo di Storia Naturale, la Biblioteca Nazionale, la Scuola di cavalleria spagnola, le stalle imperiali, il centro congressi Hofburg e la Camera del Tesoro Imperiale o Keiserliche Schatzkammer. In quest’ultima sezione sono esposti i maggiori gioielli di casa Asburgo. Tra i pezzi forti di questa collezione, che già si gloria delle insegne del Sacro Romano impero e delle reliquie della Vera Croce, trova posto la spada da cerimonia che Federico aveva con sé il 22 novembre 1220, giorno in cui venne incoronato imperatore da papa Onorio III. La spada di Federico, in acciaio e lunga 108,5 cm, presenta l’elsa rivestita di placche d’oro decorate a smalto e filigrana ; sul pomo d’argento dorato è incisa l’immagine dell’aquila imperiale (vedi immagine). Opera di orafi palermitani, l’elsa si distingue per un particolare : è di legno. L’inatteso dettaglio si sposa col fatto, anch’esso anomale, che il fodero della spada (un altro dei pochissimi reperti del corredo cerimoniale arrivati a noi), pur riccamente decorato, è in tessuto. Evidente la necessità che il peso di spada e fodero fossero ridotti al minimo per non affaticare l’Imperatore nel corso di una cerimonia che si annunciava lunghissima e il cui rigido protocollo imponeva lunghi momenti di stasi in piedi (Federico, poi, era già gravato dal peso della corona e del decoratissimo drappo che aveva sulle spalle). E chissà, per lo stesso motivo, quali altre accortezze vennero assunte in ordine alla calzature, che si possono facilmente immaginare tagliate d’una mezza misura più grandi del necessario e fatte d’un pellame particolarmente morbido, senza escludere un comodo plantarino. Così come pochissimo si sa del giorno dell’incoronazione di Federico, ancora meno si conosce la fine che fece il suo corredo cerimoniale. Oltre alla spada e al fodero, la Schatzkammer conserva solo un paio di guanti. Quanto alla corona imperiale, essa è conservata nel Kunsthistorisches Museum–incluso nell’Hofburg – insieme alla Croce Imperiale, la Spada Imperiale e la Lancia Sacra che spettavano all’imperatore del Sacro Romano Impero. Come per tutti gli eredi di Carlo Magno, anche per Federico l’incoronazione fu triplice. Per accedere alla dignità imperiale, infatti, l’avente diritto al titolo di Imperatore del Sacro Romano Impero doveva ricevere prima la corona di Germania, poi quella d’Italia – la famosa Corona ferrea – e infine, a Roma, quella imperiale dalle mani del papa.

Italo Interesse

 

 190 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *