Grosso: “Partiamo con tanta voglia di far bene”
28 Agosto 2017
Il Bari annichilisce il Cesena di Camplone
29 Agosto 2017

L’analisi sul terrorismo internazione della Black Forces Security a trazione barese

Bari crocevia di terroristi. Ormai è un dato confermato anche dagli inquirenti e dalle forze dell’ordine: Porto di Bari e Cara di Palese sarebbero tappe di passaggio di numerosi terroristi del cosiddetto stato islamico. E l’attenzione sul capoluogo pugliese continua a rimanere alta, tanto da destare l’interesse di agenzie nazionali e internazionali che studiano questo fenomeno. Proprio da Bari nasce l’attività di una delle società internazionali che si occupano di formazione per la sicurezza delle aree a rischio: la “Black Forces Privaty Secutity”. Il presidente della società con sede a Londra è il barese Vito Civitano.

Presidente ci spiega brevemente come nasce il progetto della Black Forces Security Accademy e con quali scopi?

<<Anti-terrorismo, sicurezza, ‘Contractors’: il nostro obiettivo è formare professionisti per affrontare l’incombente minaccia del terrorismo su scala internazionale. Questa è una professionalità che mettiamo a servizio di enti governativi, dopo un approfondito percorso formativo per fornire ai nostri allievi gli strumenti di analisi e organizzazione di strategie in base all’obiettivo. Poi, ci sono le attività di sicurezza, che esercitiamo presso società private che hanno questa esigenza. La nostra sede societaria è a Londra e a Tirana, invece, si trova la nostra scuola dove si tengono i corsi di training formativo che va dall’analisi alla preparazione fisica e alla difesa>>

Quali sono le peculiarità della sua accademia in ambito di sicurezza internazionale?

<<La nostra è un’accademia che si occupa non soltanto della preparazione fisica e dell’insegnamento delle tecniche di difesa, ma propone anche corsi specifici di analisi e di anti-terrorismo. Il nostro allievo, a conclusione dei corsi, sarà in grado di studiare e predisporre piani di sicurezza in base alla minaccia del caso. La professionalità dei nostri insegnanti e l’adeguatezza delle strutture che mettiamo a disposizione, hanno consentito alla Black Forces Privaty Security di farsi conoscere e apprezzare da privati ed enti governativi nel mondo>>

Come si articola l’Analisi sulla Sicurezza Internazionale e quali informazioni si possono reperire tramite essa?
<< L’analisi è uno studio delle informazioni a disposizione dopo il loro reperimento, che consente di monitorare la situazione e predisporre eventuali piani strategici. La raccolta di informazioni e l’attività di monitoraggio fanno parte dei servizi che prestiamo su richiesta. In questo momento, abbiamo una proficua interlocuzione con alcuni governi che necessitano di rinforzare la loro attività di intelligence >>

Facciamo un passo indietro. Come si reperiscono le informazioni?

<<Alcune informazioni vengono reperite attraverso i cosiddetti “collegamenti sentinella”. Altre informazioni, invece, sono raccolte diversamente in caso di eventi inattesi correlati al processo di cambio di strategie: alcune volte, può capitare che si inquadri un’azione come minaccia imminente e che tutto cambi improvvisamente, modificando completamente gli scenari. Il sistema che noi adottiamo di ‘Reporting’ di tali eventi rappresenta uno strumento indispensabile per aumentare la conoscenza dei rapporti di causa-effetto in base al principio del margine di errore: per questo il controllo degli eventi sentinella costituisce un’importante azione di monitoraggio, con lo scopo di raccogliere le informazioni riguardanti eventi avversi di particolare gravità ma potenzialmente evitabili>>

Come avviene praticamente il monitoraggio degli eventi sentinella?

<<Il monitoraggio degli eventi sentinella comprende, oltre alla raccolta ed all’analisi delle informazioni, anche la produzione e la successiva implementazione delle raccomandazioni specifiche per prevenire o minimizzare i rischi>>

Dato il forte calo occupazionale soprattutto nel meridione, questa può considerarsi una nuova opportunità di lavoro per giovani intraprendenti?

<<Perché no. In fondo, gli alunni che si formano con noi sono anche il nostro personale preferenziale, un bacino da cui attingiamo per le nostre attività>>

Maria Giovanna Depalma

 2,668 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *