Elezioni regionali: si comincia
27 Febbraio 2010
Compie venticinque anni il Movimento Donne e Poesia: donne in trincea
2 Marzo 2010

Lavori bloccati all’ansa Marisabella: quando la decisione dei giudici?

I lavori, aggiudicati ad un’associazione temporanea barese, capogruppo l’impresa Matarrese, doveva aprire il cantiere nei primi mesi dell’anno scorso, ma il ricorso presentato dall’associazione temporanea di imprese guidata da una ditta romana seconda classificata al Tribunale amministrativo, passato al Consiglio di Stato e quindi rispedito ai giudici di merito, ha sospeso l’iter procedurale. Che in ogni caso dovrebbe riprendere, come detto all’inizio, nelle prossime settimane, una volta depositata da sentenza dei giudici amministrativi pugliesi. La durata complessiva dei lavori in ogni caso è di trentaquattro mesi, per un importo totale di 58 milioni di euro.Sicchè potrebbe ripartire entro l’inizio della prossima primavera, forse anche prima, l’ultimo atto di questa lunga realizzazione, almeno dal punto di vista del procedimento amministrativo, dopo che nel 2006, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ne aveva escluso l’assoggettamento alla procedura di Valutazione Ambientale. Eppure l’Autorità portuale ha sempre seguito con grande attenzione quest’iter travagliato, promuovendo  perfino la costituzione di un Osservatorio Ambientale per Marisabella  – con la partecipazione di Comune di Bari, Provincia di Bari e la Consulta dell’Ambiente del Comune di Bari – con l’obiettivo di approfondire le varie problematiche connesse alla realizzazione di questa importante opera infrastrutturale e fornire indirizzi per la loro risoluzione. Una delle prime attività svolte da questo organo consultivo è stato proprio l’esame della documentazione predisposta dall’Ufficio Opera Marittime per la richiesta di valutazione di incidenza ambientale alla Regione Puglia, che ha prodotto un parere condiviso, supportato da pregnanti osservazioni di natura scientifica prodotte dai tecnici della Consulta dell’Ambiente, circa l’assenza di danni alla prateria di posidonia esistente all’esterno del bacino portuale per effetto della realizzazione del completamento della colmata. La realizzazione del completamento della Colmata di Marisabella rappresenta in ogni caso per il porto di Bari, un importante tassello nella razionalizzazione e riorganizzazione delle attività portuali. Il compimento dell’opera, con la conseguente maggiore disponibilità di accosti consentirà un miglioramento delle condizioni di operatività dello stato degli ormeggi attuali, una adeguata flessibilità nella gestione degli stessi, nonché una maggiore sicurezza anche in condizioni meteomarine difficoltose. La banchina non sarà destinata alla movimentazione del traffico container.

Francesco De Martino

 

 722 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *