Minima moralia (Meditazioni sulla Vita Offesa. T. Adorno) (69)
22 Settembre 2020
Auteri: “Sono un eterno insoddisfatto”
23 Settembre 2020

Leonardo Candellone: “Tornare in serie B è l’obiettivo principale”

Da qualche giorno è stato ufficializzato il suo arrivo, parliamo di Leonardo Candellone, classe 1997 nato a Torino, il giocatore acquisito dal Napoli è stato prelevato con la formula del prestito biennale con diritto di riscatto. Il 23enne attaccante piemontese ha vissuto le ultime due stagioni da protagonista con la maglia del Pordonene, dove già in serie C nel campionato 18/19 ha realizzato 14 reti e 3 assist. Nello scorso campionato ha realizzato sempre con i nero-verdi, allenato da Attilio Tesser, ben 31 partite e segnato 2 gol e 2 assist, sfiorando la promozione ai playoff. Candellone che questa sera potrebbe già debuttare da titolare con la maglia biancorossa nel tridente d’attacco ha detto la sua ai microfoni dei canali ufficiali della Ssc Bari: “Hoa ccettato una sfida importante in una piazza esigente con un progetto molto ambizioso che Bari merita. L’obiettivo è di fare un campionato di vertice e cercare di arrivare alla serie successiva. Tutti insieme possiamo raggiungere questo obiettivo. Ho trovato da subito un gruppo coeso ed unito, mi hanno accolto benissimo. Auteri ci fa lavorare  tanto sotto il livello di voglia, determinazione e corsa. I ruoli dell’attacco mi piacciono tutti e tre, forse mi trovo un po’ meno bene da esterno destro mentre a sinistra mi trovo più a mio agio con il piede invertito. Da punta centrale prediligo attaccare la profondità e con il modulo, le richieste del mister mi trovo bene negli spazi”. Sul suo compagno di squadra e bomber della scorsa stagione, Mirco antenucci, ha espresso tutta la sua stima e felicità di poterci giocare assieme: “Mirco è davvero forte, qualitativamente vale se non una , due categorie superiori. Ragazzi più giovani che giocano nel suo ruolo, come me, possono magari imparare e vedere piccoli movimenti, da un grande come lui, sono davvero onorato di giocarci assieme”. Il suo punto di forza, di leonardo Candellone: “Non mollo mai, mi piace andare oltre la tattica, giocare la palla come se fosse l’ultima, come se ci fosse sempre l’occasione di poter fare quaclosa di importante. Essere sempre umile, qualsiasi cosa accada è una mia prerogativa ed alla fine i risultati arrivano. Ho tantissimo da migliorare essendo giovane, oltre a crescere dal punti di vista tecnico, vorrei farlo anche nell’attacco alla porta”. Sul suo oassato ha detto: “Consevo un bel ricordo ed a Torino ho vissuto anni importanti e sono grato al tecnico che mi ha insegnato molto. Nelle ultime due stagioni sono stato a Pordenone ed il mio primo anno in C è stato ad oggi, il migliore dal punto realizzativo.  Devo tanto anche a loro per la mia crescita professionale”. Il centravanti ha concluso con il suo ricordo dello stadio San Nicola che questa sera ritroverà: “Due anni fa ero venuto con la Ternana ed è stato davvero un bell’impatto, tanta gente tutti che cantano e il pensiero che non potremoa vere il nostro pubblico, dispiace tantissimo. Il pubblico ti spinge sempre a fare meglio”. Intanto ieri si è svolta una seduta pomeridiana di rifinitura, mentre nella mattinata odierna i biancorossi sosteranno un veloce risveglio muscolare in vista dell’impegno di coppa fissato per le 17.30. La proabile formazione che mister Auteri potrebbe schierare nell’impegno di Coppa Italia: Frattali; Celienti, Sabbione, Perrotta; Andreoni, Maita, Bianco, D’Orazio; D’Ursi (Candellone), Antenucci, Marra.  Tra i convcati assenti Di Cesare per infortunio, Hamlili e Neglia in odore di cessione, il primo vicinissimo all’Alessandria invece il secondo ha diverse richieste dalla Lega Pro. Ed infine, manca per una squalifica da scontare De Risio, al suo posto giocherà uno tra D’Orazio e Scavone.

Marco Iusco

 

 859 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *