Pitta versus Bozzini: duello alla sciabola
7 Dicembre 2019
“Ma chi ha approvato il nuovo piano di mobilità al Policlinico?”
7 Dicembre 2019

L’ira degli studenti: “Edilizia scolastica, più di un’emergenza”

Passa il tempo ma l’emergenza è sempre più emergenza, per ciò che riguarda la sicurezza degli istituti scolastici nelle sei province pugliesi. Da tempo, infatti, gli stessi studenti e le loro organizzazioni maggiormente rappresentative denunciano le precarie condizioni degli istituti scolastici pugliesi, tanto che parrebbe proprio essere diventata più che una semplice emergenza, la edilizia scolastica in Puglia, quanto un pericolo imminente non più rimandabile. A supporto i recenti rapporti sullo stato edilizio delle scuole pugliesi, che dimostrano carte alla mano come il fabbisogno necessario alla messa in sicurezza degli edifici è di gran lunga superiore alle risorse stanziate. “Gli interventi della Regione Puglia e del Governo Italiano sul piano dell’edilizia scolastica risultano estremamente tardivi e limitati: le condizioni strutturali delle scuole pugliesi sono decisamente precarie, come si evince dalle inchieste effettuate da noi su un campione di studenti pugliesi: il 45% degli intervistati dichiara che il proprio istituto non è in buone condizioni” – dichiara Davide Lavermicocca, coordinatore dell’Unione degli Studenti Puglia – “L’edilizia scolastica è l’elemento più visibile di una crisi strutturale che sta investendo il mondo della formazione, a partire dai tagli ministeriali degli scorsi anni sulla scuola pubblica. Oltre ai rischi legati all’incolumità della popolazione studentesca e di chi frequenta gli istituti, la questione edilizia è anche una questione didattica: la mancanza di spazi adeguati per un corretto adempimento dell’offerta formativa mina il diritto degli studenti e delle studentesse di studiare in scuole sicure e che rispondano ai bisogni formativi e ai nuovi strumenti educativi. Non è un caso, infatti, che il 44% degli studenti da noi intervistati reclami l’assenza di una biblioteca scolastica e di spazi quali laboratori o palestre in una regione dove tantissimi istituti risalgono addirittura all’Ottocento”. Evidente che i fondi messi a disposizione dal Ministero e dalla Regione Puglia (circa 103 milioni di euro per il triennio 2018/2020) risultino una cifra irrisoria rispetto al bisogno reale di più di 1 miliardo di euro per scuole elementari, medie e superiori. Le risposte sommarie di tutti i livelli istituzionali e della politica non sono più tollerabili. È necessario fornire una risposta strutturale ai 206mila 123 studenti pugliesi che frequentano le scuole secondarie di II grado che, ad oggi, non vedono risposte efficaci da parte delle Istituzioni competenti a tutti livelli: le scarse risorse umane, tecniche e finanziarie non possono essere la scusante utilizzata per nascondere l’assenza di un progetto definito per l’istruzione nella nostra regione. “”Abbiamo bisogno di una classe dirigente all’altezza delle sfide che abbiamo davanti, la Puglia del futuro deve essere quella che non guarda agli studenti solo in momenti sporadici nel corso della legislatura ma che assuma la questione educativa come traccia per lo sviluppo regionale”, attacca ancora il responsabile Usd della Puglia. “Nello scorso anno scolastico, come Unione degli Studenti Puglia abbiamo richiesto all’Assessore Sebastiano Leo e al Presidente Michele Emiliano finanziamenti immediati ed azioni efficaci sull’edilizia scolastica: ad oggi le promesse ricevute restano scritte in una delibera della Giunta regionale ottenuta dopo le mobilitazioni studentesche ma non vedono un piano di finanziamento. Su un tema fondamentale, come quello dell’edilizia, ancora oggi continuano a persistere grandi ombre che non permettono di avere un quadro chiaro della situazione complessiva: n on è più possibile frequentare scuole non sicure e che non rispondono alle nuove necessità didattiche degli studenti. Ribadiamo con forza, dunque, la necessità di una programmazione strutturale – e condivisa con le parti sociali – degli interventi in edilizia scolastica (ed istruzione in generale), attraverso un potenziamento della progettazione europea per il reperimento di fondi e maggiori investimenti ministeriali e regionali. Abbiamo un piano per lo sviluppo della nostra regione: chiediamo all’Assessore Leo e al Presidente Emiliano di convocarci urgentemente per programmare insieme un piano di investimenti fortemente richiesto dagli studenti e dalle studentesse ma che non vede risposte istituzionali e politiche”. E mentre risuona questo silenzio piuttosto sinistro dalle stanze dei bottoni degli enti pubblici che detengono responsabilità in materia di sicurezza e manutenzione delle scuole (comuni, province e Regione Puglia) siamo quasi a metà dell’anno scolastico: dovremo per forza aspettare la prossima estate o, incrociando le dita, qualche cornicione o tettoia che cade, per darsi da fare?

Antonio De Luigi

 436 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *