Si tempo per i dipendenti ‘storici’: “Pronti a scorrere le graduatorie”
8 Ottobre 2014
Domanda all’acquaiolo se l’acqua è fresca…
9 Ottobre 2014

Marino Defendi: “Sono a disposizione anche per giocare da terzino”

 

Centosei presenze in campionato con la maglia del Bari, una stagione vissuta da capitano, oltre ad annoverare sette gol, è il profilo del guerriero Marino Defendi che ieri in conferenza stampa è apparso sereno e fiducioso in vista dell’impegno di domenica alle 12.30 contro il Catania, altra big che stenta a decollare in campionato ma che ha già cambiato allenatore: “Sarà una partita dura tra le due squadre che in teoria avrebbero dovuto giocarsela con una classifica migliore, ma c’è tempo per migliorarsi. Loro cercheranno di far di tutto per vincere, ma noi faremo di tutto per batterli senza paura”. Ha esoridto così ai microfoni della stampa il centrocampista nel cuore dei tifosi, che ha dato inoltre disponibilità a giocare da terzino sinistro, a causa dell’assenza di Sabelli perché convocato nell’Under 21: “Mi fa piacere essere tenuto in considerazione per più ruoli, anzi, sono disposto a giocare anche da centravanti – ride sornione, anche se c’è anche un tratto di verità in quanto in questa stagione ha giocato in un paio di occasioni da esterno alto – ma se occorrerà giocare da terzino mi adatto volentieri”. Il verbo è ripartire con i tre punti tenendo presente che nelle ultime due partite, la Bari di Devis Mangia ha macinato chilometri, prodotto infinite occasioni da gol, ma che le ha anche sciupate clamorosamente; le analisi vanno però sempre compiute a 360° ed occorre leggerle nell’ottica dei risultati e di un rapporto statistico basato sulla media e percentuali di realizzazione. L’ex Atalanta ha poi  ha fatto il punto sulla situazione del gruppo ed incitato i suoi compagni: “Restiamo sereni e continuiamo a seguire il percorso iniziato quest’estate con il mister. Il passato è archiviato. Possiamo dare di più e lo faremo già da domenica, con la responsabilità che avvertiamo e non ci pesa, di una sfida che abbiamo accettato e ci teniamo a vincerla”. Sui troppi gol subiti nelle ultime partite, ha infine concluso: “Serve il passo decisivo anche in difesa, se vi ricordate anche l’anno scorso abbiamo all’inizio avuto qualche problema, poi è andato tutto bene; dobbiamo essere più incisivi davanti e più compatti dietro. Inoltre ho una voglia matta di poter fare il mio primo gol dato che ancora non ci sono riuscito!”. In casa Bari si lavora uniti verso l’obiettivo di non tornare a mani vuote da Catania, ed anche il tecnico Mangia, martedì sera ha voluto offrire, ad un noto ristorante barese, una cena chiarificatrice e forse con l’intento di rasserenare gli animi, ad una cerchia ristretta di giornalisti di tv e carta stampata, accompagnato dal team manager Alberto Marangon. La parola però spetterà sempre al campo e dalle prossime partite difficili, dove la compagine biancorossa dovrà preoccuparsi di raccogliere più possibile. (Redazione sportiva)

 678 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *