Maretta nei cinquestelle: lo sfidante della Laricchia escluso dalle candidature per le regionali
21 Febbraio 2020
Il pennello al femminile
22 Febbraio 2020

Matteo Scala: “Al San Nicola mi aspetto ancora più pubblico”

Un solo obiettivo in casa Bari: quello di proseguire la striscia utili con la parola vittoria e rincorrere la Reggina, ma senza distrazioni e pensando al proprio cammino, così come è stato fatto contro il Picerno. Il Direttore sportivo biancorosso ma anche Club Manager della società, Matteo Scala ha dichiarato sulle frequenze e canali Ufficiali della società: “Siamo in un momento molto importante con due trasferte insidiose nelle quali per mantenere il passo dobbiamo fare punti. Abbiamo programmato una sorta di mini-ritiro per preparare al meglio le due trasferte, dopo Castellammare ci fermeremo in una posizione intermedia per trasferirci a Terni per la prossima partita”. In casa il Bari ha conquistato cinque vittorie di fila coadiuvati dai tre pareggi esterni: “Sarò preso per matto ma il Bari sta disputando un campionato straordinario. Nato dalle ceneri di un fallimento è stata ricostruita una rosa competitiva. Con l’arrivo di Vivarini abbiamo un andamento da prima della classe: metterei firma per continuare così, ovvio che alla fine tireremo le somme. Il nostro obiettivo è toglierci da questa categoria che non appartiene alla città ed alla nostra storia”. Sulle critiche giunte da altre parti il Direttore ha risposto in modo categorico: “Quello che dicono gli altri non mi interessa. A me importa il Bari e come migliorare ulteriormente. Non mi interessa né della Reggina né degli altri, siamo soddisfatti di quello che stiamo facendo. Nessuno può intaccare un cammino di grande livello come quello che già stiamo facendo”. Sul rinnovo contrattuale in drittura di arrivo per Simone Simeri, il dirigente biancorosso ha detto la sua: “C’è grande serenità. Non abbiamo fretta, abbiamo voluto dare un segnale al ragazzo: lui non chiedeva nulla, non si aspettava questo nostro grande segnale. Adesso ne parleremo con l’agente: non c’è nessuna trattativa, è una cosa bella. E’ un premio per quello che sta dando, per come si sacrifica per la squadra, trovare un attaccante con quelle caratteristiche non è semplice”. Infine sul Bari che sta esprimendo un gioco corale e che servirà il ‘Priscio’ in vista del rush finale che significherebbe riempire il San Nicola e spingere la squadra ad avere ancora una marcia in più, Scala ha concluso così la sua intervista su RadioBari: “La prestazione col Picerno ha dato un segnale forte a livello di qualità e di identità. Sono cose che possono far accedere ancora più entusiasmo nella nostra tifoseria- Abbiamo bisogno del supporto dei nostri tifosi. Il ‘priscio’? I tifosi del Bari devono capire che sono mesi fondamentali, non solo lo zoccolo duro che ci segue sempre e numeroso anche in trasferta, ma tutta la città. Chi viene a Bari d’ora in avanti deve sapere che deve avere di fronte un pubblico inferocito che vuole i tre punti. Se le prossime tre saranno decisive? Non credo, però esistono blocchi di partite, questo è il primo dove ci sono le gare più complicate per noi e la Reggina. Uscire bene da questo blocco, sicuramente potrà dare vantaggi all’una o all’altra”. Senza ovviamente sottovalutare, il Monopoli che sta correndo ed affronterà domenica prossima la Reggina, e la Ternana, quest’ultima reduce da due sconfitte e che se dovesse sbagliare ancora, il vulcanico presidente dei neroverdi, non si farebbe scrupoli ad esonerare in quel caso, il tecnico della squadra umbra nonostante l’ottimo cammino sin qua ed una finale di Coppa Italia di Lega Pro conquistata. (Foto di Tess Lapedota)

Marco Iusco

 

 609 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *