Francesco Mongelli: “La gente ha fame, tanti non sanno come andare avanti”
26 Settembre 2020
Lo stop agli incentivi sulla produzione di biogas potrebbe avere conseguenze drammatiche
26 Settembre 2020

Mercato coperto: “Vogliamo un’insegna più grande e luminosa”

Una vera disgrazia per chi ci lavora da nemmeno tantissimi mesi, dopo aver atteso per anni di occupare un bel posto al coperto, invece che in quella via Nizza oramai disastrata, nel cuore del quartiere San Pasquale. Eggià, gli operatori di frutta, verdura e merci varie trasferiti nel nuovo mercato coperto di Via Giovanni Amendola piangono ancora miseria, causa mancanza di clienti. E chiedono al Comune senza alzare troppo la voce, per timore di fare pubblicità ‘negativa’ al loro mercato, almeno di abbassare tasse, balzelli e imposte varie, per sopravvivere. E in effetti basta recarsi in quel mercato coperto nuovo di zecca con tanto di parcheggio sotterraneo in un qualsiasi giorno lavorativo e feriale –un po’ meglio il sabato, ma non basta…- per vedere praticamente il deserto. Soluzioni? Cercare di dare maggiore visibilità alla struttura, magari con una bella insegna più grande e colorata all’ingresso, oppure organizzare qualche evento mirato: gli operatori hanno le loro idee e hanno cercato anche di esporle al primo cittadino e all’Assessora al Commercio, ma finora di risposte poco e niente. Eppure anche i quattro consiglieri di opposizione al Municipio Carrassi-San Pasquale hanno presentato richieste molto concrete a favore dei commercianti in crisi che lavorano all’interno del mercato coperto di via Amendola. E bisogna anche dire che il Sindaco Antonio Decaro e l’Assessora allo Sviluppo economico Carla Palone proprio durante le scorse feste natalizie avevano effettuato un sopralluogo in via Amendola, per rendersi conto di persona e parlare di questa maledetta crisi che attanaglia quello spazio a pochi mesi dall’inaugurazione. L’obiettivo comune, ora come allora, è di avviare nuove attività di comunicazione e animazione che diano linfa alla struttura, dando visibilità e attirando nuovi clienti, facendo appunto conoscere la nuova struttura e le tante attività insediate, magari in vista dei prossimi acquisti della vigilia di Natale. “I mercati sono una risorsa per la nostra città che intendiamo sostenere – spiegava Decaro – e l’avvio di una nuova attività, in una nuova struttura e con nuove modalità di lavoro, sicuramente rappresentano una sfida, sia per gli operatori sia per i cittadini che sicuramente hanno bisogno di un po’ di tempo per conoscere e familiarizzare con questa novità. Noi crediamo fortemente nel commercio di prossimità che in tutta Europa sta conoscendo una nuova stagione. Certamente sosterremo gli operatori che questa sfida l’hanno accettata, abbandonando gli stalli per strada per avviare un nuovo percorso in una struttura più moderna e confortevole. Per cambiare ci vuole sempre coraggio e questi operatori hanno dimostrato di averlo e di credere fortemente nel loro lavoro. Ora però tocca a tutti i cittadini sostenerli”. E magari al Comune regalare una bella insegna più grande e visibile all’ingresso, tanto per cominciare…

 

Francesco De Martino

 314 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *