Sindacati furiosi: “Lavoratori e pensionati non possono perdere i soldi versati”
9 Ottobre 2021
De Luca: “Remiamo tutti dalla stessa parte e vinciamo per la nostra gente”
9 Ottobre 2021

Mignani: “Giocheremo sempre per vincere, ma vietato parlare di fuga”

Un tecnico sempre equilibrato, che risponde sempre a domanda e nonostante non rivela indizi, o forse qualcosa lascia intuire, ma anche uno che non le manda a dire, sarà per questioni scaramantiche o perché deve fare il pompiere in questo momento, l’allenatore del Bari, Michele Mignani sa ciò che vuole. Il tecnico dei Galletti quest’oggi è intervenuto in sala stampa ed ha presentato la difficile gara contro la Turris, seconda in classifica e con il primato per i gol fatti. Il mister ha detto subito la sua sugli avversari: “I numeri difficilmente mentono. Loro vengono da tre vittorie con tanti gol, per chi vede le partite e studia gli avversari non è un caso. E’ una partita difficile, un ostacolo importante. Non hanno nulla da perdere e contro di noi ci sono due tipi di interpretazioni, quella del Monopoli di stare accorti e sfruttare le ripartenze, oppure giocare la partita a viso aperto e dimostrare che sono più bravi di noi. Noi preferiamo giocarla a viso aperto nello stesso modo della Turris. Mi aspetto una gara diversa dalle altre ed il loro 3-4-3 riesce ad allargare le difese avversarie. Con i due trequartisti che non danno punti di riferimento e si muovono molto così come la punta centrale atipica. In alcuni momenti portano tanto uomini sugli esterni, ed in sovrapposizione con i difensori, perciò dovremo raggiungere la parità numerica ed essere corti e pronti a rispondere ed a coprire la palla, senza cadere nello caratteristiche”. Nella Turris, ci sarà anche l’ex Vito Leonetti, lanciato nelle giovanili del Bari da mister Loseto, ma anche altri giocatori pericolosi e capaci di andare in gol, da Tascone, GIannone ed anche i difensori. Mister Mignani ha risposto così: “Leonetti lo conosco bene perché lpo scorso anno stava nel mio girone ed ha fatto tanti gol, ed è intelligente tatticamente. GIannone da una vita gioca in questa categoria è un veterano. Hanno centrocampisti con qualità di inserimento come Tascone che gioca interno ma nasce come mezz’ala. Ma soprattutto hanno un’idea di calcio importante che ti da e ti toglie, e noi sfrutteremo i punti deboli”. In più si potrebbe aggiungere come sull’influenza nel dover fare l’undici, il terreno di gioco che a causa della pioggia battente da ieri e prevista anche domenica, metterebbe il mister nella condizioni di dover fare un certo tipo di scelte, ma la guida tecnica biancorossa ha dettato la sua linea. “La squadra sta bene, l’abbiamo preparata nella maniera giusta. Vogliamo dare continuità a quello che stiamo facendo, soprattutto in termini di punti. Atteggiamento? Bisogna tener conto che se porti tanti uomini avanti rischi di esporti ai contropiedi. Non siamo difensivisti ma serve sempre equilibrio, soprattutto nella fase di non possesso” Inoltre sulla possibilità di fuga o ulteriore strappo, il mister ha risposto a tono, aggiungendo la sua ricetta: “Troppe poche partite per parlare di fuga. Se fai le prestazioni, arrivano i risultati. Il campionato è molto equilibrato. Tutte le squadre hanno una logica ed un ‘perché’. Vincere fa sempre bene, ti fa lavorare serenamente, da entusiasmo al gruppo e all’ambiente esterno.Per noi è sempre una grande botta di autostima ma ogni martedì si azzera tutto”. Infine il tecnico incalzato da qualche domanda su Antenucci e la possibile formazione, non ha svelato indizi: “Ci penso, domani vedrete. E’ complicato quando hai un parco giocatori così. Devi fare delle scelte che penalizzano qualcuno, è capitato a Simeri, Antenucci e Marras. Citro non lo abbiamo visto. Paponi è interessante, Cheddira può dare tanto sia dall’inizio che a partita in corso. A volte ragioni sullo stato psico-fisico, altre in funzione della partita e degli spazi. Certe volte sono fortunate, altre meno. Domenica Antenucci è entrato bene ed ha dato un grande contributo”. Il mister ha poi aggiunto che è contento dell’apporto dei centrocampisti anche di coloro che non hanno ancora segnato e che la squadra sarà tutta a disposizione meno il lungo degente Andreoni e da valutare Celiento. La probabile formazione del Bari con il 4-3-1-2: Frattali, Pucino, Di Cesare, Terranova, Ricci, Maita, Scavone, D’Errico, Botta, Antenucci, Cheddira.  (Ph. Tess Lapedota).

M.I.

 

 

 6,367 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *