In Puglia trionfa il “Sì” al referendum ed Emiliano alle regionali
22 Settembre 2020
Leonardo Candellone: “Tornare in serie B è l’obiettivo principale”
23 Settembre 2020

Minima moralia (Meditazioni sulla Vita Offesa. T. Adorno) (69)

A cosa stai Pensando? MI sta chiedendo ”facebooK”, forse MI Vede Bighellonare tra un Pensare e l’Altro. A Dire il Vero, Pensavo al pianto dirotto, alle lacrime che sgorgavano copiose dagli occhi di neymar alla conclusione dell’incontro di calcio tra il”psg” e il bayern di monaco, valevole per la finale della “coppa dei campioni”, vinta dal bayern per 1 a 0 con una rete di testa di cuman, tra l’altro cresciuto nel “psg” e scartato dalla juventus. A tal proposito, quando, a torto, si sproposita che, per vincere, la “coppa dei campioni”, bisognerebbe fare importanti (uso anch’ IO codesto aggettivo sulle pigre labbra degli addetti ai lavori nel mondo calcistico, calciatori, tecnici, dirigenti, massaggiatori, magazzinieri ed altro o altri, diventato plurisemantico) investimenti, e behh, il bayern ha dimostrato che con nomi, non alla messi, ronaldo, neymar, mbapé, ma che con qualche scartina rilasciata dall’ ”inter”, tal peresic o dalla juve, come poc’anzi, Dissi, cuman e con un portiere, secondo ME, che nella Giovinezza Portiere Fui, non bravo, ma con il “lato b”, virtualmente, sfondato, e, infine, con un allenatore, considerato di transizione non a una collega strapagato e, poi, magari non vincente, ma alla vittoria di un’importante competizione calcistica, con un po’ di Passione e tanto Raziocinio si possono fare Ottime, Vittoriose Cose.

 

La priorità è la scuola, si sente dire dal politicume al governo e da quello all’opposizione, molti dei quali, sia governativi, che oppositori, in questi ultimi anni hanno operato o assistito, senza battere ciglio, all’immane prosciugare di miliardi i bilanci del “miur” e del ministero della salute, Per fare cosa? Non si sa. Siffatti ministeri nell’ultimo decennio sono stati il ”bancomat”, da/con cui si prelevavano euro, per fare cosa? Non si sa. Il “coronavirus” ha scoperchiato le delittuose magagne dei governi di centrodestra e di centrosinistra e dei cosiddetti tecnici, in quanto le strutture scolastiche e sanitarie andavano rimodernate o, addirittura, era ineludibile costruirne di nuove, se i Bisogni e le Esigenze dei Pazienti nell’Anima e nel Corpo, dovevano, secondo la Costituzione, Essere Tutelati nel miglior modo possibile. Per affossare il mio Discorso nello specifico della scuola, il ”palazzo “ freme, non si conoscono le motivazioni, per riaprire le scuole a una clientela pigra, inconsapevole di quale sudditanza si soffra nei riguardi del potere o dei poteri, se si è ignoranti; i cui pargoli  sacramentano l’azzolina, per essersi incaponita nel ”piccio” di spronarli al salto della quaglia oltre la soglia degli  edifici scolastici. Ché, anche, quando il “virus” non c’entrava, l’unico problema consisteva nell’intimare ai ragazzi il salto, di cui sopra, se di Svolgimento dei Programmi delle Discipline Curricolari non si doveva, non si poteva Questionare. IO non ho ascoltato un mammino, una papina preoccupati delle scuole chiuse e, quindi, della mancata Crescita Spirituale e Culturale dei loro parti spermatozoici .Qualche geremidiare, caso mai, a dire il vero, non leve, sulla problematica collocazione, dalle ore 8 alle 13, degli spermatozoi, ove entrambi i genitori in quelle ore fossero, lavorativamente, impegnati.. Gli spermatozoi che l’anno scolastico scorso ha gratificato con promozioni e diplomi, non fanno altro che auspicare che tutti i protocolli di sicurezza da infezioni falliscano, come, certamente, falliranno, ad onta dei miliardi spesi, ché, oggi, nell’italietta dottori si può essere, pur rimanendo asini. Per Concludere, una cosa non ho capito. Come mai, i governativi si preoccupano tanto che i giovanetti, dalle 8 all13, mantengano le distanze, che non s’infettino loro e loro vicini e lontani, e, poi, permettono che, dopo cena, frotte, branchi, manipoli, tonnellate di carne adolescente e giovane s’affolli per le ”agorà” italiettine, dove, una volta, Si Diventava Uomini e Saggi, Discutendo, e, oggi, invece, a parte il pericolo del “virus”, contento di tanta preda, ci si rincoglionisce di vanità borghesi o piccoloborghesi, innaffiate di droghe e di alcol?

 

Il giorno 28 agosto alle ore 20,30, un “post” è apparso su “facebook”, dal titolo: ”Italia in lutto, morto Flavio Briatore. Fonte verificata.” IO ho, così, Commentato la, certamente, falsa notizia. ”Se fossimo razzisti (Infatti i briatore, i salvini, le santaché atque similes aut similia costituiscono una razza), dovremmo Dire: ”Magari fosse vero!”. Invece, auguriamo loro lunga vita, pur sapendo che romperanno i coglioni a un quarto dell’umanità, affamato dai loro sodali, e che, per la legge del contrappasso, si riversano, male sperando, nei paesi, che continuano ad affamarli”.

 

“Stasera, 29 – 8- 2020, la grande musica di Gianni Morandi all’ ’Arena di Verona” e con lui le eccellenze della musica italiana”. – “Stasera, Gianni Morandi in concerto all’ ‘Arena di Verona’ ”- “Stasera, Gianni Morandi in Concerto Live dall’ ’Arena di Verona’ ”. Codesti gli “spot”, miserabilmente, enfatici, per propagandare un evento di mediocre spessore musicale, ripreso dal “canale 5 di mediaset”.’L’Arena di Verona’, il Tempio della Grande Musica Lirico –Sinfonica, dove Cantava la Divina Maria Callas, per Citare Una tra le Migliaia di Artistiche Eccellenze, che hanno Reso Famoso un Luogo, ove sono stati Costruiti Eminenti Spettacoli Musicali, Teatrali, di Balletti,  data in pasto a un canzonettaro emilian – popolare e ad altri, dal punto di vista della pseudo musica, simili a lui, ai quali basti un facile “giro di do”, per sfornare una canzone e darla in pasto alla plebaglia. Insomma, chi giustappone una sillaba dopo l’altra, per comporre “spot” falsi, non si vergogna di operare una immane diseducazione dei gusti musicali delle masse, usando, ad esempio, il parolone “Concerto” che andrebbe bene per Eventi Musicali di Immane, Perentoria Bellezza Artistica, non per le strimpellature di gianni morandi e, ripeto, dei suoi sodali. E che dire della “grande musica” e delle “eccellenze”, che in sconcerto con  il giullare delle“colf venete” degli anni sessanta, si esibiranno sulle pietre, che ancora, risuonano dei potenti ”do di petto” di pavarotti, tra gli altri? Ho, appena, sopra, Accennato alla diseducazione del gusto musicale delle masse, quando si afferma, senza vergognarsi, che quella di morandi, non è un genere musicale minore, che il suo ragliare, bene che vada, è acconcio alla sottocultura delle “balere” (“fatti mandare dalla mamma a prendere il latte”), “sed est” “la grande musica”, ove “la” starebbe per ”illa”, che in Latino significa ”quella famosa”, ”la famosa”, “il non plus ultra della Musica”. Allora, il povero di spirito, non dico l’analfabeta, licenziato dalla scuola dell’obbligo, sebbene, pure, il grecato d’alloro, licenziato da una delle università italiettine, è portato a concludere che altra Musica, altro Musicista, altro Cantante non ci sia al di sopra di morandi, E, invece, morandi, atque similes  con  il  loro canticchiare che, grazie all’ignoranza delle masse, allontanate dal Bello dall’industria pseudomusicale , oggi, dai “social”, colpevoli di rendere  endemico “il virus” del brutto, del mediocre, del modesto , mangiano pane e companatico, non fanno altro che porsi come ineludibile barriera, per i poveracci, tra l’Idea o Ciò che, appena, è “sub limen” di Essa e la robaccia, che viene spacciata, come Musica. Ricordo mio Nonno, Uomo dell’’800, analfabeta, eppure, Conosceva tutte le Ineffabili Romanze delle Grandi Opere Liriche, pur ser ai suoi tempi, per fortuna sua, non essendoci la rai, le radio private, la televisione pubblica e le televisioni private e non essendoci neanche l’”educazione musicale”, impartita nella scuola dell’obbligo. Ma vi erano le feste di paese, ove Si Esibivano le Bande Musicali, con cantanti Lirici, il cui Repertorio Comprendeva la Bellezza che, Umile  Si Rivelava agli Umili. Oggi, a testimonianza delle regressione culturale delle masse, voluta dal potere, progettata dal potere, ché Chi Contempla la Bellezza, Contempla la Verità e S’incammina alla Liberazione  da tutto ciò che impedisce all’uomo di Essere con Dignità Uomo, ci sono due tipi di fruitori di spseudomusica: quelli che, a volte, non sanno distinguere la casa natale dalla casa circondariale e s’imbottiscono della robaccia dei “neomelodici”, e quelli che s’arrogano di capire e, quindi, di godere di musica, impostando la loro preparazione o impreparazione musicale sui milioni di”giro di do” di cui si nobiliterebbe, si fa per dire, la produzione musicale media, la cultura musicale media, che va da morandi fino ai beatles, a moricone, ma non E’ Mozart, la Genialità di Mozart, il Percorso di Mozart fino al Limitare dell’Idea.

Pietro Aretino, già detto Avena Gaetano

 2,131 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *