Attualità

Morto Paul Auster, lo scrittore americano aveva 77 anni

(Adnkronos) – E' morto Paul Auster. Secondo quanto scrive il New York Times, lo scrittore americano, 77 anni, ammalato da tempo di un cancro al polmone, è morto nella sua casa di Brooklyn. Autore, tra gli altri, de "La trilogia di New York", "Sunset Park", "Invisibile", aveva pubblicato il suo ultimo romanzo "Baumgartner" lo scorso anno. Auster era uno dei maestri del postmodernismo americano insieme a Thomas Pynchon e Don DeLillo, che ha incentrato la propria poetica sul caso che domina l'universo, come appunto nella "trilogia di New York", parodia postmoderna del romanzo poliziesco, e sull'attenzione per l'inverosimile.  Nel dicembre 2022 all'autore di acclamati romanzi come "Nel paese delle ultime cose" e "Mr. Vertigo" era stato diagnosticato un tumore che ha curato con trattamenti di chemioterapia e immunoterapia al Memorial Sloan–Kettering Cancer Center di New York, uno dei centri per la ricerca e il trattamento del cancro più famosi a livello mondiale. Nel marzo 2023, con un post su Instagram, era stata la seconda moglie, la scrittrice e poetessa Siri Hustvedt, a rivelare che Auster era malato. E sempre l'anno scorso aveva pubblicato il suo ultimo romanzo "Baumgartner". Autore di una vasta produzione, tradotta in italiano da Einaudi, Auster si è dedicato anche alla poesia, alla saggistica e alle sceneggiature cinematografiche, dirigendo anche alcuni film. Aveva esordito con le raccolte poetiche "Unhearth" (1974) e "Wall Writing" (1976), seguite da una pièce teatrale ("Laurel and Hardy go to heaven", 1977) e "White spaces" (1980), primo testo in prosa che prelude a "L'invenzione della solitudine" (1982), originale intreccio di saggio, fiction e autobiografia incentrata sul suo rapporto con il padre, deceduto poco tempo prima. Auster ha raggiunto il successo nel 1987 con la "Trilogia di New York" composta da "Città di vetro" (1985), "Fantasmi" (1986) e "La stanza chiusa" (1987): sorta di parodia postmoderna del romanzo poliziesco, i tre romanzi scardinano le convenzioni del genere, mescolando echi della grande tradizione americana (N. Hawthorne, H. D. Thoreau, E. A. Poe, H. Melville) a suggestioni del nouveau roman, per costruire un universo, sia narrativo sia urbano, dominato dal caso. Il tema della casualità e l'attenzione per l'inverosimile caratterizzano i successivi romanzi: "Nel paese delle ultime cose" (1987); "Moon palace" (1989); "La musica del caso" (1990); "Leviatano" (1992); "Mr. Vertigo" (1994); Timbuctù" (1999); "Il libro delle illusioni" (2002); "La notte dell'oracolo" (2004); "Follie di Brooklyn" (2005); "Viaggio nello scriptorium" (2007); "Uomo nel buio" (2008); "Invisibile" (2009); "Sunset Park" (2010); "Diario di inverno" (2012); "4 3 2 1" (2017); "Ragazzo in fiamme. Vita e opere di Stephen Crane" (2021).  Auster ha pubblicato inoltre raccolte di saggi come "L'arte della fame" (1992), "Il taccuino rosso" (1993), "Ho pensato che mio padre fosse Dio. Storie dal cuore dell'America raccolte e trascritte" (2001) e i testi autobiografici "Sbarcare il lunario. Cronaca di un iniziale fallimento" !997) e "Notizie dall'interno" (2013). 
Attivo anche nel mondo del cinema, Auster ha firmato le sceneggiature di "Smoke" e "Blue in the face", diretti da Wayne Wang (entrambi del 1995, il secondo in collaborazione con lo stesso Auster), di "Lulu on the bridge" (1998), interpretato da Willem Dafoe e Harvey Keitel, e "La vita interiore di Martin Frost" (2007), film rispettivamente del 1998 e del 2007 di cui ha curato anche la regia. 
Numerosi i riconoscimenti e i premi ricevuti da Auster. Era commendatore dell'Ordre des Arts et des Lettres, membro dell'American Academy of Arts and Sciences e del Pen Club America e vincitore del Premio Principe delle Asturie, del Prix Médicis e del Premio Napoli e del Sigillo della Città di Pordenone. Paul Auster era nato da una famiglia ebrea di origini polacche a Newark, nello stato americano del New Jersey, il 3 febbraio 1947. Suo padre, Samuel Auster, era proprietario di alcuni edifici di Jersey City; sua madre aveva circa 13 anni in meno del marito ed il loro, fin dai primi giorni, non fu un matrimonio felice. Paul Auster era cresciuto a Newark, assieme alla sorella, più piccola di lui di circa tre anni e affetta da forme di squilibrio mentale. La situazione famigliare ha segnato la vita di Paul Auster, come rivelerà lui stesso nel suo memoir "Sbarcare il lunario". Paul Auster inizia a nutrire una forte passione per la letteratura fin da giovane. Dopo le scuole superiori, inizia a viaggiare per l'Europa, visitando l'Italia, la Spagna, Parigi e Dublino, la città di James Joyce. Tornato negli Stati Uniti, si iscrive alla Columbia University. Nel 1966 conosce la scrittrice Lydia Davis, con la quale si sposerà il 6 ottobre 1974 e da cui avrà un figlio, Daniel. E proprio Daniel è stato protagonista di una vicenda spaventosa: il figlio del romanziere è morto nell'aprile 2022 per overdose a 44 anni; sei mesi prima era diventato il principale sospettato, con tanto di arresto e rinvio a processo, per la morte della figlia di dieci mesi, Ruby, trovata in casa, a Brooklyn, in stato di incoscienza per un'overdose di fentanyl e eroina, e morta poco dopo. Nel 1969, dopo aver conseguito la laurea, Paul Auster si imbarcò su una petroliera e viaggiò per un anno. Poi è di nuovo a Parigi, dove restò per tre anni, dal 1971 al 1974, lavorando come traduttore. Tornato negli Stati uniti, si stabilisce a New York nel 1974, esordendo come scrittore con poesie, racconti e articoli pubblicati sulla "New York Review of Books" e sulla "Harper's Saturday Review". Dopo aver divorziato dalla Davis, nel 1981 si era sposato con la scrittrice Siri Hustvedt, da cui ha avuto una figlia, Sophie, cantante e attrice. Nonostante la malattia, nel 2023 Paul Auster è riuscito a pubblicare un nuovo e ultimo romanzo, "Baumgartner". Dopo un romanzo-mondo come "4 3 2 1", pubblicato sei anni prima, lo scrittore si è presentato ai suoi lettori con un libro all'apparenza semplice e lineare, proponendo il suo personaggio forse piú simpatico ed empatico: un uomo che al termine della vita si interroga sulle cose essenziali, inciampando e andando a sbattere come in una vecchia comica malinconica. La vita di Seymour Baumgartner è stata definita dall'amore per la moglie Anna. Ma ora Anna non c'è più e Baumgartner si inoltra nei settant'anni cercando di convivere con la sua assenza. (di Paolo Martini) —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Pubblicato il 1 Maggio 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio