Nicola De Giosa, duecento anni fa
9 Gennaio 2019
Forza Italia rientra nei “ranghi” e accetta le primarie sostenendo Di Rella
9 Gennaio 2019

Non cambia niente al “Quartierino”, tra rifiuti ingombranti e degrado

Aree abbandonate, erbacce, marciapiedi che non esistono proprio oppure, se va un pochino meglio, completamente dissestati, senza dimenticare le aiuole trasformate in vere e proprie discariche a cielo aperto e le belle di notte che spesso col calare delle tenebre si appostano in certi punti trafficatissimi della zona. Siamo al <<Quartierino>>, a poca distanza dal centro cittadino, a due passi dal Policlinico Consorziale di Bari, secondo ospedale del Mezzogiorno, tra i quartieri Picone e Poggiofranco. E questa è la situazione, non certo soltanto da ieri: ci sono zone completamente abbandonate, senza manutenzione e pulizia da tempo, mentre il Comune stampa i suoi comunicati sui progetti approvati, ma non ancora realizzati da quelle parti. Molti residenti da parecchio tempo si sono sono riuniti in comitati e associazioni, proprio per riallacciare i rapporti con l’ente civico. “Sembra che l’attenzione per la nostra zona residenziale sia parecchio scemata, dopo le attenzioni esternate da Sindaco e Assessore ai Lavori Pubblici anche attraverso riunioni con noi residenti, però si continua a prestare attenzione e realizzare interventi nei quartieri a più alta densità di residenti, come se non avessimo noi del Quartierino stessi diritti, pagando le stesse tasse e tributi. Eppure, nonostante i progetti disattesi, le nostre denunce e petizioni protocollate, non si risolvono i problemi del quartiere Picone”. Insomma, al Quartierino la situazione è diventata insostenibile. Ogni giorno vari tipi di rifiuti ingombranti vengono abbandonati per strada finendo per creare degrado e accumuli che soltanto a distanza di giorni vengono rimossi. “Le vie più interessate da tale fenomeno sono via Chieco e via Delle Murge, anche se l’intero Quartierino è sotto l’attacco degli incivili” – spiega Danilo Cancellaro, Presidente di <<Sos Città>> – e i cittadini sono stufi di dover sopportare da un lato l’inciviltà di chi scambia le strade per una discarica e dall’altro l’inefficienza dell’Azienda municipalizzata all’igiene Urbana che, pur essendo state più volte trasmesse a chi di competenza le ripetute segnalazioni, impiega giorni a ripulire le strade. Probabilmente perché trattasi di strade periferiche dato che se fossimo stati in centro di sicuro in qualche ora si sarebbe intervenuti” A fargli eco il vicepresidente dell’associazione molto impegnata nella zona, Dino Tartarino:” Dato che trattasi di una situazione ben nota sia all’Amiu sia all’amministrazione comunale e, dato che sicuramente non è opera dei residenti, perchè non risolvere posizionando qui le tanto decantate fototrappole? Il nostro appello dunque è rivolto sia all’assessore all’Ambiente del Comune di Bari, Pietro Petruzzelli sia al comandante della Polizia Locale affinchè si smetta di tollerare simili situazioni e si decida, concretamente, di individuare e stanare i trasgressori”.

Francesco De Martino

427 Visite totali, 1 visite odierne

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *