Al “Di Venere” un microscopio robotizzato per diagnosticare i tumori del sangue
10 Gennaio 2020
Primarie del centrosinistra, le premesse per la legittimazione di Emiliano non sono le migliori
10 Gennaio 2020

Nuovo park&train alla stazione di Torre a Mare

Si è tenuta, presso gli uffici regionali dell’assessorato ai Trasporti, una riunione tecnica convocata per definire il protocollo d’intesa finalizzato alla riqualificazione delle aree circostanti la stazione ferroviaria di Torre a Mare, sia attraverso la rifunzionalizzazione di un piazzale ferroviario non più utilizzato da adibire a viabilità e area di sosta con modalità park&train, sia con la realizzazione di un hub di scambio intermodale con nuova stazione autobus.

All’incontro hanno partecipato l’assessore comunale ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso, l’assessore regionale ai Trasporti e alle Infrastrutture Gianni Giannini, il sindaco di Noicattaro Raimondo Innamorato, i rappresentanti di RFI, Ferrovie Sud Est e della Giesse srl, proprietaria di alcune aree private confinanti con le aree ferroviarie.

Il parcheggio si estenderà su una superficie di circa 4.500 metri, oltre il tratto di strada di accesso (via della Stazione) che sarà conservata a doppio senso di marcia, opportunamente allargata e completata da marciapiedi.

Come noto, l’idea dell’amministrazione è nata per risolvere definitivamente il problema della sosta, particolarmente sentito dai residenti della zona e da quanti utilizzano la stazione di Torre a Mare. A causa del numero esiguo dei parcheggi a disposizione, infatti, molti cittadini che utilizzano il treno lasciano l’auto in divieto di sosta con il rischio di essere sanzionati. L’area individuata, attigua alla stazione, si trova al confine con il territorio di Noicattaro ed è prevalentemente di proprietà delle Ferrovie dello Stato, con piccole porzioni di proprietà privata.

Negli scorsi mesi l’amministrazione ha avviato un’interlocuzione con le Ferrovie dello Stato in merito all’utilizzo di parte di queste aree con l’obiettivo di adibirle a parcheggio per le automobili. A garanzia di una migliore sistemazione del parcheggio, in questo confronto sono stati coinvolti anche i privati, in particolare la Giesse srl, proprietaria di un’area limitrofa alla stazione che ricade nel territorio di Noicattaro.

Durante l’iter procedurale, inoltre, RFI e Ferrovie Sud Est hanno manifestato l’interesse a valorizzare la stazione di Torre a Mare come snodo di scambio tra il sistema di trasporto pubblico extraurbano delle Ferrovie Sud Est oltre che con l’attuale sistema di park&train, comunque meritevole di potenziamento. Pertanto la Regione Puglia, prendendo spunto dall’idea dell’amministrazione comunale, ha voluto ampliare la portata dell’intervento infrastrutturale manifestando la volontà di inserire nel redigendo protocollo d’intesa da sottoscrivere tra tutti i soggetti coinvolti, anche la possibilità di uno stralcio successivo di interventi che coinvolgano soprattutto i vettori ferroviari, per allungare il sottopasso verso l’abitato di Torre a Mare, creare un’area da adibire a terminal bus che permetterà di far convergere in quella zona i percorsi degli autobus che circolano dall’area sud-est barese fino alla Valle d’Itria in modo da collegare direttamente anche la stazione con l’abitato di torre a mare, anche in previsione del declassamento della SS16 da strada statale a strada urbana. Infatti, con la variante del percorso della SS 16, la stazione sarà di fatto collegata, anche fisicamente, con l’abitato di Torre a Mare, dal quale oggi invece è separata proprio dalla tangenziale: a seguito della trasformazione dell’attuale sedime della SS 16 in strada urbana di scorrimento con marciapiedi, piste ciclabili, alberature e rotatorie, quindi, la stazione sarà raggiungibile dal centro del quartiere anche a piedi o in bicicletta, poiché distante solo poche centinaia di metri.

“Finalmente siamo arrivati alla definizione della soluzione del problema della sosta vicino la stazione di Torre a Mare, anche grazie al coinvolgimento della Regione, che oggi ci ha convocato, e del Comune di Noicattaro – ha dichiarato Giuseppe Galasso -. La planimetria dimostra come l’area individuata d’intesa con i tecnici del Comune avrà una capienza di circa 120 posti auto, con la possibilità di ospitare 10 alberi ad alto fusto. Il percorso carrabile sarà molto comodo, disponendo di corsie di almeno 3,5 metri di larghezza e di un percorso anulare che facilita le manovre in ingresso e in uscita. Quanto ai marciapiedi e ai percorsi pedonali, avranno una larghezza minima di 1,5 metri e saranno dotati di rampe per le persone con disabilità motoria e di percorsi Loges per i non vedenti. L’area, ovviamente, sarà illuminata secondo gli standard attualmente utilizzati nei diversi cantieri della città, quindi con lampade a led a luce bianca, che garantiscono un’illuminazione omogenea senza zone d’ombra, e controllata grazie a un sistema di videosorveglianza a garanzia della sicurezza di quanti la utilizzeranno.

La porzione dell’area da adibire a parcheggio di proprietà della Giesse – una fascia di circa 1.000 metri – sarà ceduta dall’azienda al Comune di Bari con vincolo di poter aprire nuovi accessi carrabili direttamente sulla nuova viabilità e sull’area di parcheggio. Le Ferrovie metteranno i restanti 3.500 metri a disposizione del Comune di Bari con un protocollo d’intesa che sigleremo nelle prossime settimane non appena perfezionato l’iter approvativo. L’obiettivo è quello di realizzare in maniera spedita questo primo stralcio, che prevede la sistemazione dell’area parcheggio e per la cui esecuzione c’è anche la disponibilità di concorrere, da parte della Giesse, con una sponsorizzazione. A RFI, che dal 1° gennaio ha una nuova direzione dedicata che si occupa di Stazioni, che incontreremo in Regione il prossimo 24 gennaio, verrà richiesto, invece, di eseguire l’arretramento della recinzione ferroviaria, lo smontaggio di un binario morto e, soprattutto, le necessarie modifiche degli impianti tecnologici esistenti.

La realizzazione di questo parcheggio sarà vitale non solo per i residenti ma anche per gli abitanti dei complessi di Città Giardino e Parchitello, in agro di Noicattaro, e consentirà di valorizzare al meglio la stazione di Torre a Mare che continuerà a funzionare anche in futuro, dopo la realizzazione del collo d’oca”.

523 Visite totali, 2 visite odierne

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares