Finale di legislatura col “botto” per Emiliano e la sua maggioranza
30 Luglio 2020
Ciccio Caputo, il bomber della ‘Pagnotta’ che meriterebbe la Nazionale
31 Luglio 2020

Oggi l’incontro tra Vivarini e il presidente

Ripartire non è mai semplice, ma farlo con gli uomini giusti al posto giusto, è ancora più complesso. In questa settimana abbiamo intervistato Umberto Quistelli, Giorgio De Trizio, la settimana scorsa Franco Cirici, tutti e tre si sono espressi favorevoli ad una possibile riconferma. Soltanto il giornalista Cirici, si è spinto affermando che non sarebbe da escludere le dimissioni del tecnico abruzzese qualora non si sentisse appoggiato in toto dalla società per poter operare un mercato con maggiori poteri decisionali, allorché potrebbe essere uno scenario da prendere in considerazione visto il peso e la difficoltà del prossimo campionato, dove non si potrà più sbagliare e molte avversarie, tra tutte il Palermo faranno grandi investimenti per poter puntare al salto subito di categoria. Vincere non è mai semplice, a maggior ragione dopo una cocente delusione come quella di questa stagione, anche se dall’altra parte a volte si può uscire talmente ‘temprati’ che sia in caso di rivoluzione della squadra o puntellata in modo pesante in determinati reparti, si avrebbero risposte molto positive ed il ricordo negativo della stagione conclusasi, non potrà che essere una molla decisiva anche nella personalità che è mancata nelle gare esterne in questa stagione, soprattutto nel ritorno dove è mancata la vittoria alla casella delle trasferte, tra campionato e playoff, il Bari ha conosciuto statisticamente parlando, sette pareggi ed una sconfitta, quest’ultima pesantissima. Ripartire, lo abbiamo scritto tante volte è d’obbligo, la società ne è consapevole ed anche di questo ne abbiamo ampiamente discusso, nessuno mette in dubbio l’operato della famiglia De Laurentiis, sarebbe molto azzardato in quanto ci hanno preso dalle ceneri di un fallimento, mettendoci la faccia ed investendo in due stagioni diversi milioni di euro, molti non rientrati non soltanto per il fallimento dell’obiettivo stagionale, ma per la pausa forzata del Covid19 che ha portato a tutte le aziende nazionali danni ingenti, e la preoccupazione di due giorni fa, che in Puglia si sono registrati dieci nuovi casi di contagi, con per fortuna nessun decesso. Il virus è tutt’altro che sconfitto e non sappiamo in quale modo partirà la prossima campagna abbonamenti ed a che prezzi. Quest’oggi come avevamo anticipato dovrebbe esserci l’incontro verità con Vivarini per decidere il futuro, a distanza di poco più di una settimana, entrambi avranno riflettuto e sicuri che ci sarà un confronto costruttivo a prescindere dalla decisione che verrà presa. Per il ds Scala, ci dovrebbero essere conferme, da valutare l’innesto di altre figure, con Ciccio Brienza che potrebbe non rinnovare perché gradirebbe un più ampio raggio d’azione, in quel caso, subentrerebbero alcuni nomi importanti, già citati nei giorni scorsi. Quanto a Vivarini, se dovesse saltare ci sono diversi profili interessanti, da Baroni, ex Lanciano a Fabrizio Castori, lo stesso Auteri, ma ci sarebbero tanti altri candidati perché la panchina del Bari, seppur in Lega Pro è sempre ambita e da non escludere anche l’outsider Emiliano Bigica, il quale proprio ai nostri microfoni aveva dichiarato di sentirsi importante per una grande esperienza con una Prima squadra a fine giugno poco prima dell’inizio dei playoff. Insomma, non ci resta che attendere, ma il Bari come l’Araba Fenice rinata dalle proprie cenere è dura e caparbia, ai posteri l’ardua sentenza. Ph. di Tess Lapedota.

Marco Iusco

 346 total views,  2 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *