Al Policlinico di Bari la radiologia mini-invasiva pediatrica
30 Luglio 2022
Nonostante i divieti, decine di persone fanno lo stesso il bagno. Ma i controlli dove sono?
1 Agosto 2022

Palagiustizia, siglato il contratto per seconda sede penale

E’ stato firmato ieri a Bari presso la Presidenza della Corte di Appello di Bari, il contratto di locazione relativo alla seconda torre Tim adiacente alla prima, già in uso, nella quale andranno gli Uffici Giudiziari di Procura della Repubblica, Corte di Assiste di Appello penale, Tribunale di Sorveglianza e Polizia Giudiziaria. Il contratto è stato sottoscritto dal Sottosegretario di Stato di Grazia e Giustizia avvocato Francesco Paolo Sisto, dal Presidente del Tribunale di Bari dottor Alfonso Pallapalardo e dal dirigente Tim dottor Nicola Ussia. Volti distesi e dichiarazioni soddisfatte per un contratto che, almeno in parte, consente di ricavare più spazi e rendere più sopportabile e dignitoso lo svolgimento della funzione giurisdizionale con tutto vantaggio non solo per i Magistrati, ma anche per avvocati e soprattutto utenti. Ha dichiarato il Presidente della Corte di Appello di Bari dottor Angelo Casssano: ” Sicuramente questa è una soluzione tampone in attesa che si concluda il Parco della Giustizia , però avremo enormi benefici ed è innegabile. Per esempio si libererà un piano qui al vecchio palazzo di Giustizia con tutto vantaggio  dell’ utenza e non soltanto di Magistrati ed avvocati. Ricordo però che Bari ha bisogno di soluzioni definitive e non temporanee, sia pur di valore come l’ attuale”. Ecco Francesco Paolo Sisto: ” Due torri sono innegabilmente meglio di una sola. Intendo dire che due tamponi funzionano meglio di uno, anche se tutti noi dobbiamo aspirare alla soluzione definitiva. Bisogna plaudire ad un sapiente gioco di squadra che in tempi relativamente brevi ha reso possibile questa soluzione. Ci sarà una occupazione graduale degli ambienti appena i lavori lo permetteranno, ma lo scopo deve essere: aule, aule, aule. Questa seconda torre permetterà di avere maggiori spazi per celebrare le udienze. Bari doveva recuperare dopo la vergognosa parentesi delle udienze svolte sotto la tenda, un brutto e vergognoso spettacolo. Nonostante questa sia come dicevo una soluzione tampone, possiamo dire che è un giorno positivo, anzi una grande giornata”. Il dottor Alfonso Pappalardo, Presidente del Tribunale: ” Un sollievo immenso che deriva da questo importante raddoppio. Ora bisogna darsi da fare per una soluzione definitiva ed idonea”. Infine l’ avvocato Serena Triggiani, Presidente dell’ Ordine degli Avvocati di Bari: ” 15 piani in più indubbiamente sono un passo importante da non sottovalutare, è un traguardo che merita attenzione. Tuttavia l’ avvocatura si aspetta una soluzione definitiva in tempi brevi per dare dignità all’ esercizio dell’ attività forense”.

Gli avvocati: “Bene una nuova sede ma avanti con il Parco”

 

“Accogliamo con favore questo importante risultato, che consentirà di avere a disposizione nuovi spazi per il lavoro dell’avvocatura e della magistratura”.Lo dichiara la presidente dell’Ordine degli Avvocati di Bari, Serena Triggiani, commentando la firma del contratto di locazione della seconda torre Telecom che raddoppierà gli spazi destinati agli uffici giudiziari penali. “In particolare – dice la presidente – ringrazio il sottosegretario Francesco Paolo Sisto per l’impegno profuso finalizzato ad accelerare i tempi e per aver consentito, quindi, che la firma di questo contratto avvenisse nel minor tempo possibile. Auspichiamo comunque che si tratti di una soluzione ponte, che possa traghettare nel più breve tempo possibile verso la soluzione definitiva del Parco della Giustizia, un’opera che gli operatori della giustizia, avvocati, magistrati, amministrativi, e tutta la città di Bari aspettano da tempo. Speriamo che il cronoprogramma annunciato venga rispettato senza intoppi e lungaggini burocratiche e che la realizzazione del primo lotto dell’opera venga portata a termine entro la prima metà del 2025”. Anche il presidente della Camera Penale, l’avvocato Guglielmo Starace, si dice “contento che sia arrivata la risposta alla promessa che ormai aleggiava da tempo senza concretezza, sempre però con l’auspicio che questo non significhi un’altra soluzione provvisoriamente definitiva e non si rallenti il progetto della sede unica”.

 

 

Bruno Volpe

 775 total views,  2 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *