Cultura e Spettacoli

Pane e quotidiano con Francesca Romana Capriati

Pochi grammi di poesia al giorno per stare a contatto con l’universo poetico che vibra intorno a noi

Francesca Romana Capriati (1925-2011), è figlia del poeta e giornalista Giuseppe Capriati. Viene assunta dal Comune di Bari, dove è stata funzionaria dal 1956 al 1990. Inizia a scrivere poesie all’età di trent’anni. Non pubblica libri, ma sue poesie appaiono su quotidiani e periodici locali come ‘Metropoli’ e ‘Puglia’. Di lei si è occupata Alfredo Giovine nella rubrica da lui curata per ‘La Gazzetta del Mezzogiorno’ e Pasquale Sorrenti, nell’antologia ‘La Puglia e i suoi poeti dialettali’. “Notte de Sanda Necole” fu composta nel 1968.

 

NOTTE DE SANDA NECOLE 

 

Iè notte, fasce fredde,

e iè Sanda Necole!…

 

Già la cambane sone,

e tire ’u maistrale,

ca porte nànd’e drète

’u ’nzegnale ca ’nge chiame:

’ndon… ’ndoon… ’ndooon!…

e com’addòre ’u mare!…

 

È vjirne, ’u tjimbe iè scure,

s’appìcce ’ngualche lùsce,

dà vòsce ’sedeture,

e ’u vecchie amengepèsce.

 

’U fridde iè forte e strenge,

ma chessa tradezzjòne,

a ccì la sende ’u spenge,

a scì che devozziòne.

 

Da strèttu’e e stretteuècchie,

s’abbejèsce ’u devote:

la Chiesj’è a Barevècchie,

e và ccì à fatte ’u vote.

 

Barise, frastjìre,

Venute da lendàne,

’ngenecchiàte aspettene

ch’u Resàrie màne.

 

Sop’o ’u aldàre abbrùsce

Ch’u ’ngjìnze tanda cère,

e mmènz’a tanda lùsce,

Sanda Necole jè ’u Rrè!…

Chidd’òcchiere so fascìdde,

ca fàscene sendì rìcche,

pezzìngh’u poverjìdde

ca stà sembe a ssìcche.

 

Fernute la prima Messe,

daffòre à fatte dì,

la gènde ca se n’èsse,

’u sape addò av’a scì:

 

O spunde de la strade,

cudde andìche Cafè,

pe chessa nettate,

av’apjirte a le trè:

 

vetrine appannate,

cioccolata frevùte,

pandespagne sfernate,

e la mascì… è fernute!…

 

Rubrica a cura di Maria Pia Latorre ed Ezia Di Monte


Pubblicato il 6 Dicembre 2023

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio