Cultura e Spettacoli

Pane e quotidiano con Ingeborg Bachmann (I parte)

Pochi grammi di poesia al giorno per stare a contatto con l’universo poetico che vibra intorno a noi

Ingeborg Bachmann, nota anche come Ruth Keller, è stata una delle maggiori scrittrici del Novecento di lingua tedesca. Nata nel 1926 a Klagenfurt, si laureò in filosofia con una tesi contro Heidegger.  Giovanissima entrò a far parte del gruppo 47 che annoverava scrittori austriaci e tedeschi impegnati a rinnovare la letteratura e a fare i conti con il passato nazista che veniva rapidamente rimosso in un clima di riarmo e guerra fredda. Di questo gruppo facevano parte tra gli altri Heinrich Boll, Hans Magnus Enzensberger, Gunter Grass; Peter Handke. Fu subito riconosciuta come una grande poeta,  una delle pochissime donne che partecipava attivamente al gruppo e che vi svolgeva un ruolo di rilievo. Rappresentante di una generazione tormentata dal peso dell’Olocausto e dagli orrori della guerra, ebbe un rapporto collaborativo e sentimentale con Paul Celan. La sua produzione poetica e letteraria include poesie, racconti, romanzi e saggi. Pur avendo ricevuto consensi per le sue liriche, dopo i trent’anni si dedicò alla prosa, con altrettanta perfezione e maestria. Uno sfortunato incendio domestico, avvenuto nel suo appartamento romano nella notte tra il 25 ed il 26 settembre 1973, ebbe conseguenze fatali per l’autrice, che ne morì il 17 ottobre.

 

Tutti i giorni

La guerra non viene più dichiarata,
ma proseguita. L’inaudito
e’ divenuto quotidiano. L’eroe
resta lontano dai combattimenti. Il debole
e’ trasferito nelle zone del fuoco.
La divisa di oggi e’ la pazienza,
medaglia la misera stella
della speranza, appuntata sul cuore.

Viene conferita
quando non accade più nulla,
quando il fuoco tambureggiante ammutolisce,
quando il nemico e’ divenuto invisibile
e l’ombra d’eterno riarmo
ricopre il cielo.

Viene conferita
per la diserzione dalle bandiere,
per il valore di fronte all’amico,
per il tradimento di segreti obbrobriosi
e l’inosservanza
di tutti gli ordini.

da Anrufung des Großen Bären (Invocazione all’Orsa Maggiore)

 

 Rubrica a cura di Maria Pia Latorre ed Ezia Di Monte


Pubblicato il 17 Gennaio 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio