Cultura e Spettacoli

Pane e quotidiano con Massimo Parolini

Prestati alla poesia. Siamo poeti quando la poesia ci chiama ad esserlo

Massimo Parolini è nato a Castelfranco Veneto (TV) nel 1967, laureato  in Antropologia filosofica  presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia.  È insegnante di materie letterarie a Trento dal 1995. Tra le pubblicazioni: “Non più martire in assenza d’ali” (Editoria Universitaria-Venezia, 1994), poesie sulla guerra nella ex-Jugoslavia; “La via cava”(poesie, LietoColle, 2015), “#(non)piove” (LietoColle, 2018), poemetto dedicato ad una giornata di rinascita di d’Annunzio e Duse ai giorni nostri; “L’ora di Pascoli”(Fara Editore, 2020), poemetto dedicato alla riunione del nido della famiglia Pascoli a Barga;  “Cerette” (Fara Editore, 2020), raccolta di racconti (con cornice veneziana); “Soglie vietate” (poesie, Arcipelago itaca, 2022, prefazione di Umberto Piersanti).   Ha collaborato con l’ artista Giuliano Orsingher nelle mostre “E-VENTO” (2019, sull’uragano Vaia) con il poemetto “Lamento per lo schianto” (Publistampa edizioni-Fondazione Castel Pergine onlus),   “Del Tempo” (Palazzo Roccabruna, Trento, 2022), con poesie legate alla tematica temporale incise a fuoco su legno, “Frammenti contemporanei di antiche memorie” (Orsingher- Hartwig Kaltner, Centro di arte contemporanea di Cavalese, 2023), sulla Grande Guerra nel Lagorai. Collabora con il giornale “L’Adige” e col blog letterario “Versante Ripido”.

 

Patron

Patron, jack russell, sei cane antimina,

trovi  bombe, a Chernyiv, e rischi il botto:

centinaia di ciambelle un po’ strambe,

e ormai, tu lo sai, ti hanno reso mascotte…

Hai giubbotto e bandiera ucraina,

adori il formaggio,  annusi  esplosivi…

La guerra, secondo i russi, finiva

il nove maggio: tu resisti ancora,

fra le macerie e le fosse,

attendi che ritorni il girasole

nei campi, che dai bunker risalgano

le mani rattrappite, per separare

il grano dalla zizzania del conflitto,

e dare, finalmente, un nome agli spazzati,

abbaiando sulla palla con scatti

nervosi, nell’euforia senza posa

dei bambini inesplosi…

 

 

Rubrica a cura di Maria Pia Latorre ed Ezia Di Monte


Pubblicato il 14 Ottobre 2023

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio