Grave lutto nella chiesa di Bari Bitonto, morto Mons. Alberto D ‘Urso
23 Settembre 2022
Per un pugno di zecchini
24 Settembre 2022

Pane e quotidiano ‘La fascìdde’ di Alfredo Giovine

Pochi grammi di poesia al giorno  per stare a contatto con l’universo poetico che vibra intorno a noi.

E ogni sabato ‘la fascìdde’ ovvero una scintilla di poesia dialettale.

Alfredo Giovine nacque a Bari, il 2 aprile 1907 e morì il 25 agosto 1995. Studiò canto dal 1920 al 1925 con Cesare Franco. Nel 1960 fondò l’Archivio delle Tradizioni Popolari Baresi con la sezione Civiltà Musicale Pugliese, allo scopo di divulgare gli aspetti sconosciuti di Bari e della Puglia.  I suoi libri ed opuscoli – una novantina – sono conservati nelle maggiori biblioteche statali, provinciali, universitarie e dei Conservatori di musica, in Italia e all’estero.
Collaborò, con un migliaio di articoli e studi, tra gli altri, con Il Tempo, La Gazzetta di Parma, Corriere della Sera. Da pubblicista, ha curato la rubrica domenicale ne La Gazzetta del Mezzogiorno, dal 1979 al 1995. Alfredo Giovine si è occupato anche di teatro dialettale barese, dando alle popolari ‘stòrie’ di una volta il linguaggio teatrale in modo da evidenziare curiosità, fantasia e arguzie del popolino barese. I tre lavori compiuti: la notissima “La Stòrie de Mìinze Cùle”, “BBon ggiòrne o cchiù ffèsse” e “La stòrie de na chenèsse” furono rappresentati in riduzione teatrale, a cura di Vito Signorile il 6 giugno 1996, al Teatro Abeliano, in conclusione della rinata Piedigrotta Barese. “Bari in carrozza” il suo ultimo lavoro, uscito postumo nel ’95. Nel 2001, Bari, (che amava chiamare ‘la zita mè’) gli ha dedicato una strada al Lungomare sud della città.

 

La zite du marenare

L’alda dì da m-mènze a mmare
T’àgghie vìste a la fenèste
Ad avìirte t’ìive puèste
pe vedèmm’a pezzecà.

Quanne cchiù scève fore
Te facìive pecenònne
cchiù angòre pecenònne
ca non de vedève cchiù.

Ce pèrò a ll’ècchie mì
Pìcche a pìcche tu sparìssce
A ll’ammèrse te ngrandìssce
Iìnd’a iìnde o core mì.

 

La bella del marinaio

L’altro dì in mezzo al mare,/ io t’ho vista alla finestra./ E di seguirmi con gli occhi/ mentre pescavo eri ansiosa./ Quanto più m’allontanavo dalla riva,/ ti facevi così piccola,/ che non ti distinguevo più./ Però quanto più piccola ti fai/ agli occhi miei,/ al contrario ti ingrandisci/ nel mio cuore.

Rubrica a cura di Maria Pia Latorre ed Ezia Di Monte, consulenza Felice Giovine

 

 6,682 total views,  2 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *