Il Bari dovrà ancora fare a meno di Cheddira
2 Dicembre 2022
Con il Pisa torna capitan Valerio Di Cesare e si spera anche la vittoria
3 Dicembre 2022

Pane e quotidiano ‘La fascìdde’ di Felice Alloggio

Pochi grammi di poesia al giorno  per stare a contatto con l’universo poetico che vibra intorno a noi.E ogni sabato ‘la fascìdde’ ovvero una scintilla di poesia dialettale.

Felice Alloggio è attore e regista teatrale. Nato a Bari, nel cuore della città vecchia, il 29 settembre del 1951, è cresciuto intriso di baresità e amore per la sua terra e per l’arte. Scrittore di saggi, racconti, commedie, articoli e recensioni; ha pubblicato libri con WIP Edizioni e con Levante editori di Bari; ha pubblicato dieci racconti su “La Gazzetta del Mezzogiorno” di Bari; è “Esperto” di progetti, con attività curriculari nelle scuole elementari e medie, di allestimenti teatrali attinenti la “Storia delle Tradizioni Popolari e i giochi di strada”, e di “Educazione alla legalità”. Ha prodotto video-racconti per ‘Radio Popizze’, di Bari, e interventi televisivi su TV locali; ha vinto diversi Premi Letterari, fra cui un primo premio per il racconto “La signora Chella”, dell’Associazione Culturale “Il papavero d’oro”.

 

Chiande de fèmmene

Maledètte iè la uerre orrènne e tètre
ca sèmbe porte lendàne u amàte spose
né avàste a dessuadèrle la liscia pète
che l’epitàffie jìnde au mande erbòse

Maledètte so’ l’àrme ca da sole
la lusce astùdene e pure la sperànze
ca u Munne da le Pole a l’Equatòre
iune asselùte iè da vive sènza tracotànze.

Maledìtti so’ le vegliàcche mercànne d’arme
che all’ùmene neste nvendùre ndelligènde
oppònene solamènne violènze e ingànne
armànne iald’ùmene senz’aneme e mbotènde.

Maledètte iè la uerre ca vole mùrte
altruìsme, fedugge e tollerànze
baluàrde certe, secure passapùrte
pe cammenà u Munne che Sperànze.

 

Pianto di donna

 

Maledetta sia la guerra orrenda e tetra

che sempre porta via marito e figli

né basta a dissuaderla la liscia pietra

col suo epitaffio sopra i folti gigli.

Maledette siano le armi che da sole

la luce spengono e pure la speranza

che la Terra fin dalla creazione

non sia distrutta dalla belligeranza.

Maledetti siano i vil mercanti d’armi

che agli uomini intelligenti creatori

opporre sanno sol violenza e inganni

armandoli di pensieri mentitori.

Maledetta sia la guerra che vuol morti

pace, fiducia, amore e tolleranza

baluardi eterni, sicuri passaporti

da seguire sempre con perseveranza.

 

Rubrica a cura di Maria Pia Latorre ed Ezia Di Monte, consulenza Felice Giovine

 

 5,525 total views

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *