Il Palermo beffa nel finale un Bari sciupone e poco incisivo
20 Gennaio 2023
Reading poetico del gruppo dei poeti de “L’Isola di Gary”
21 Gennaio 2023

Pane e quotidiano ‘La fascìdde’ di Felice Giovine

Pochi grammi di poesia al giorno  per stare a contatto con l’universo poetico che vibra intorno a noi.

E ogni sabato ‘la fascìdde’ ovvero una scintilla di poesia dialettale.

 Felice Giovine fin da piccolo ha respirato aria di tradizioni popolari, folclore, storia locale, collaborando col padre Alfredo in ricerche storiche e di cronaca, non solo locali. Nel 1985, ha fondato il Centro Studi Baresi, iniziando un programma anche di ristampe di libri del padre Alfredo. Nel 1995, ha realizzato un Centro di raccolta e documentazione storica barese. Ha costituito il Comitato Difesa Baresità. Ha costituito il Comitato per l’abolizione del J (gei), segno estraneo all’alfabeto italiano e a quello latino.Dal 2009 al 2012 ha diretto e curato il mensile “U Corrìire de BBàre”.  Nel maggio 2012 ha fondato l’Accademia della lingua Barese “Alfredo Giovine”,  con lo scopo di divulgare un corretto uso della scrittura barese. Ha tradotto in barese Giugliètte e Romè, (una riduzione per teatro e cinema), rappresentata in prima assoluta a Barivecchia, nel settembre 2012. Del 2014 è “Iì sò de BBare” (2021 modi di dire – l’anima intima dell’arguto popolo barese). Del 2017 “Novelle di Fulvia Miani Perotti” e del 2021 la seconda edizione del “Dialetto di Bari”.

Nu mbame m-mènz’a nnù

Nu mbame m-mènz’a nnù

 

 

Malaggìigge, Malannate

Nu mbame s’ha presendate.

Malacarne, Malcriate

Na carogne ngi-honne mannate.

 

Vestute a crèste de galle

vuànne com’a farfalle

Stu lurde a ll’ambrevise

Ha mbestate u paravise.

 

Ascennènne da lla Cine

Citte-citte, st’assassine,

Av’arrevate m-mènz’a nnù

No vvelève lassange cchiù.

 

S’ammenate de strasfore

Sì de nott’e a ttotte l’ore

S’ha pertate o u-alde munne

Sì le mamme ca le menunne.

 

S’ha spelpate iìnd’a nnudde

Polpe, iòssere e medùdde.

Ha mannate m-mènz’o lèche

Chembare, attane e srèche.

Ci attènde nonn-è sstate,

U malanne s’ha pegghiàte,

E facènne u sbrafande

Se n’è ssciute o cammesande

 

Vestute a crèste de galle

vuànne com’a farfalle

Stu lurde a ll’ambrevise

 

Sime state achiuse n-gase

Ngi-ame mise la pèzze o nase.

Ngi-honne ditte statte accorte

No sfedanne chèssa sorte,

 

Acchesì te ne puète assì

Accedènne stu mammamì.

Non dà adènze a cci te disce

De mangiatte pan’e alisce.

 

Statte a ccaste bbuène-bbuène

Ca te salve sènzo mène.

Statte a ccaste non assènne

Nom berdènne sìinz’e ssènne.

 

Secure ndra quaranda dì

Am’a gredà evviv’a DDì

Ame assute sènza danne

Nge vedine cuss’ald’anne

 

Briccone, Malnato, / Un infame si è presentato / Malandrino, Malcreato / Una carogna ci hanno mandato./ Vestito con creste di gallo / volando come farfalla / Questo lurido all’improvviso / Ha infettato il paradiso. / Scendendo dalla Cina / In silenzio questo assassino / È giunto tra di noi / non voleva lasciarci più. / Si è insinuato di soppiatto / Sia di notte che ad ogni ora / Si è portato all’altro mondo / Sia mamme che piccini. / Si è spolpato in un baleno / Polpa, ossa e midollo / Ha mandato sotto terra / Compari, padri e suoceri. / Chi attento non è stato / Il malanno si è preso / E facendo lo sbruffone / Se n’è andato al cimitero. / Siamo stati chiusi in casa / Abbiamo messo la pezza al naso / Ci hanno detto sta accorto / Non sfidare questa sorte / Così potrai uscirne / Uccidendo questo gradasso / Non dar retta a chi dice / Di mangiare pane e alici / Resta in casa buono-buono / Che ti salvi certamente / Resta in casa, non uscire / Non perdere sensi e sonno / Sicuro tra quaranta giorni / Grideremo vivaDDio / Ne usciamo senza danno / Ci vediamo l’altro anno

Rubrica a cura di Maria Pia Latorre ed Ezia Di Monte

 

 

 6,063 total views

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *