Cultura e Spettacoli

Pane e quotidiano ‘La fascìdde’ di Michele Aprile

Pochi grammi di poesia al giorno per stare a contatto con l’universo poetico che vibra intorno a noi

E ogni sabato ‘la fascìdde’ ovvero una scintilla di poesia dialettale

Michele Aprile nasce a Bari, il 9 Febbraio 1961. Ha lavorato come disegnatore-progettista nell’ambito dei veicoli industriali. Appassionato di letteratura,dopo un’intensa formazione, scrive “Voglio le lenticchie il mercoledì”, opera di narrativa contemporanea. Il grande amore per il vernacolo barese, lo avvicina alla poesia. Pubblica “Le radisce” e “Com’o ppane feniscke” (2021).Nell’ambito della manifestazione “Poesie al balcone a Bitritto, si aggiudica il Prenio “miglior esibizione”, con due poesie in vernacolo barese: “Mamma mè” e “Odie l’èstate” (2022). Ha vinto numerosi premi all’interno di concorsi e rassegne. È in giuria alla quarta edizione del Concorso di poesie “InnANZItutto”, versi in vernacolo poesie nel borgo, nell’agosto 2022. Di ultima pubblicazione la commedia in due atti  “Chelandia – La Tèrre de Chèle”.

 

Mamma mè

Oramà nom me sìinde…

Digghe parol’o vìinde.

E nom me vite cchiù,

sì achiùse l’ècchie tù.

 

Mò… nom me parle cchiù,

stu “mure”, ndra nnù e ddù,

nge spart’e ngi-allendane.

Te ià vasà… che la mane.

 

U core u surde fasce,

s’ha fermate, stà m-basce.

Non zènde, se stà mute,

mamme, te sò perdute.

 

Quànne se spèzz’u core,

muère… cambànn’angore.

S’ha scresciùt’u feture,

nom me sèngh’o secure.

 

Amàr’è ccusse picce,

de st’amore mò… smicce,

ca fènge ca no vvète,

ce ccose me seccète.

 

Com’u ddiggh’a sta cape,

ce mò capì non zape,

ca tutte ciò c’a state,

appartèn’o passate?

 

Stèmme sèmm’attaccàte…

E mmò, me sì lassàte.

No nge stà cchiù speranze,

oramà… tu me “scanze”.

Coragge? No, non zèrve.

U ssanghe ggià stà-a ffèrve.

Nu vugghie de delore,

m’ave cuètte ìnd’e ffore.

Quànne more na mamme,

se chièchene le gamme.

Te mitte ngenecchiàte,

nnand’a-cci… t’ave criàte.

 

E la volne le sìinze,

tu… nott’e ddì la pìinze…

E qquànne n’aiùte uè…

Tu grite: “mamma mè!”.

 

 

Mamma mia

 

Ormai non puoi ascoltarmi

mi sembra di parlare al vento

E nemmeno puoi vedermi

gli occhi tuoi sono chiusi

 

Adesso più non parli

c’è un muro tra noi

che divide ci allontana

ora il bacio è con la mano

 

Il tuo cuore è sordo

non batte più… è in pace

Non sente ed è muto

mia madre non è più

 

Quando il cuore si spezza

muori pur continuando a vivere

Sì sbiadisce il futuro

non ti senti più sicuro

 

È veleno quel capriccio

di un amore ora miope

che finge di non vedere

quanto mi succede

 

Come spiegare alla mia mente

ormai interdetta

che quanto attiene a noi

appartiene ormai al passato…

 

Eravamo così legati

come hai potuto lasciarmi

Non ho più speranze

hai scelto di evitarmi

 

No darmi coraggio è inutile

sanguigno è il bollore

che acceso dal dolore

brucia esogeno ed endogeno

 

Quando muore una madre

si piegano le gambe

Sei lì inginocchiato

da chi ti ha creato

 

La vogliono i tuoi sensi

giorno e notte la pensano

E quando aiuto voglio

urlando dico… mamma mia

 

Rubrica a cura di Maria Pia Latorre ed Ezia Di Monte


Pubblicato il 25 Marzo 2023

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio