Altro che…rialzo! I proprietari del Petruzzelli sconfessano Decaro
25 Novembre 2021
L’interferenza di Vrillon
26 Novembre 2021

“Pane e Quotidiano”, William Cowper

Il 26 novembre 1731 nacque a East Dereham, in Inghilterra, William Cowper. Figlio di un ecclesiastico. Fu avvocato, ma la sua natura, soggetta fin dall’infanzia a crisi depressive, lo portò ad un tentato suicidio nel 1763. Trascorse i due anni successivi in un manicomio. Un forte senso del peccato, lo portò ad abbandonare la vita di città, facendolo riallacciare alla antica tradizione agreste della poesia latina di Orazio, grazie ad un soggiorno presso Huntingdon.Nella sua poesia troviamo accuse all’ingiustizia e all’oppressione coloniale, compreso il tema della schiavitù.Negli anni immediatamente successivi, Cowper pubblicò le sue due opere più famose, La spassosa storia di John Gilpin, del 1782e The task (Il compito), del 1785, ispirate dalla sua compagna Lady Austen. The Task, suddiviso in sei libri, è un testo a sfondo moralistico, religioso e politico. Cowper denunciò anche al povertà, alla corruzione e alle tendenze belligeranti delle nazioni europee. Le liriche di Cowper si caratterizzarono per l’immediatezza dello stile epistolare.  Cowper morì il 25 aprile del 1800.

 

The Task (dal libro 1)

Pochi fiori reggono da soli il vento
restando incolumi, ma necessitano del sostegno del puntello liscio
e legato con cura.
Restano così uniti, come la bellezza alla vecchiaia,
per amore, i vivi e i morti.
Alcuni rivestono il terreno che li nutre, spargendosi ovunque
e crescendo umili, modesti e anche discreti,
come la virtù…
Tutti invece odiano la marcia società delle erbacce,
sgradevole e mai sazia di annientare
la terra dilapidata.

rubrica  a cura di Maria Pia Latorre ed Ezia Di Monte

 2,868 total views,  6 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *