Ufo-crash e palloni sonda
10 Agosto 2019
“Bisogna rendere effettive le quote rosa”
10 Agosto 2019

Pedonalizzazione estiva a Santo Spirito, quando anche a Torre a Mare?

Santo Spirito dice si alla pedonalizzazione estiva delle sue strade per far meglio apprezzare il suo bel tratto di lungomare senza l’invasiva presenza delle auto in transito, e non solo.  Nelle prossime settimane saranno organizzati incontri  ricreativi e culturali che dovrebbero avere  come  finalità quella di favorire una maggiore socializzazione fra i cittadini. Al netto di qualche polemica da parte di alcuni residenti e commercianti del posto, che lamentano soprattutto la carenza di parcheggi, l’iniziativa potrebbe anche essere valutata positivamente, sempre se riuscirà nel suo intento, e stilare un bilancio sarà possibile solo a fine stagione. Se da una parte i santospiritesi del nord barese, potranno passeggiare placidamente sulle  vie sgombre dal flusso veicolare, idem non dicasi per i residenti di Torre a Mare, altro quartiere marinaro a sud della città. Questa ex frazione cittadina può annoverare fra i suoi illustri abitanti il sindaco di Bari  Antonio Decaro, appena rieletto plebiscitariamente da  entusiasti  baresi che gli hanno tributato oltre il 66% dei consensi. Nel corso degli ultimi ann, dalle colonne del nostro giornale , forse gli unici , abbiamo chiesto lumi al diretto interessato sul perchè questo ridente quartiere non sia stato ancora pedonalizzato, per lo meno nel periodo estivo. Ovviamente il sindaco, al quale siamo simpatici come il classico mal di schiena,  non si è mai degnato di risponderci, e purtroppo non solo su questo specifico quesito. Ma come, proprio lui, il novello guru della mobilità alternativa , l’ideatore di quel disarticolato quanto costoso ed alle volte inutile ginepraio delle piste ciclabili , non mette in pratica, nel suo borgo natio la salutare filosofia del pedibus calcantibus? Come mai? All’inizio si pensò che la sua scelta fosse dettata da motivi puramente elettorali ,per non inimicarsi i suoi elettori ivi residenti , ma ora a rielezione avvenuta cosa potrebbe temere? Una rivolta popolare con gli abitanti inferociti alla ricerca di posti auto?  Perchè solo nel periodo estivo, prendendo esempio dall’iniziativa del V Municipio, anche Decaro non decide di chiudere al traffico il suo rione di residenza? Via Leopardi , ad esempio, sempre invasa da auto in sosta (come mostra l’istantanea scatta ieri a corredo dell’articolo) perchè non viene resa pedonabile? Perchè non viene  chiusa al traffico, come chiesto altre volte, via Buonsante , principale arteria che costeggia uno dei luoghi più caratteristici del quartiere, dove per altro è ubicata la sede estiva di un prestigioso circolo cittadino? Alcuni gestori di accorsati bar del luogo accoglierebbero, come ci hanno dichiarato più volte, positivamente questa decisione. Si potrà finalmente vedere Torre a Mare libera dalle auto? Al migliore sindaco che Bari abbia mai avuto (una curiosità: dicevano la stessa cosa di Simeone Di Cagno Abbrescia passato poi armi e bagagli, dopo un paio di decenni di militanza nel centro destra, alla corte di Michelone) riformuliamo per l’ennesima volta l’invito, condito di speranza. Se poi di questa vexata questio si occupasse pure qualche neo consigliere di opposizione, farebbe cosa buona e giusta.

Piero Ferrarese

485 Visite totali, 2 visite odierne

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares