Emiliano non ha paura della candidatura renziana, ma la sua coalizione sì
16 Gennaio 2020
Trentaquattro anni senza “Araldo da Bari”
17 Gennaio 2020

Per Mattia Maita è quasi fatta, il Catanzaro ha anche preso il suo sostituto

Quasi fatta per il capitano del Catanzaro, ma nel calciomercato mai dire mai perché siamo abituati a vedere sfumare trattative anche quando mancano soltanto le firme, o addirittura in alcuni casi anche quando erano avvenute. Stiamo parlando di Mattia Maita, classe 1994, cresciuto nelle giovanili della Reggina il quale ha esordito in serie B con gli amaranto giocando contro il Sassuolo, vestendo anche le maglie del Rimini e del Lumezzane, prima di approdare nuovamente in Calabria, ma con un altro club. La società che ne detiene il cartellino, il Catanzaro, squadra con la quale di recente ha collezionato i cento gettoni di presenza ed è anche il capitano, potrebbe privarsi del suo giocatore simbolo pur non versando in una situazione economica di tranquillità ma più che altro perché si sono indirizzati su altri giocatori che lo rimpiazzerebbero. Sono arrivati infatti il regista del Trapani, Ciccio Corapi che piaceva al ds biancorosso Mattero Scala, ed un altro ex capitano della Viterbese che però domenica contro il Bari non è sceso in campo, il difensore centrale, di nazionalità bulgara, Zivko Atanasov col vizio del gol. Entrambi i giocatori acquisiti hanno grande esperienza ed almeno dal punto di vista della personalità potrebbero dare il via libera alla cessione sponda biancorossa di Maita. Tuttavia, in casa Bari c’è da essere fiduciosi perché non solo secondo nostre indiscrezioni, la trattativa è sul fotofinish ed il colpo potrebbe concretizzarsi nelle prossime 24 massimo 48 ore, diversamente sarà rimandato tutto entro lunedì, ma comunque prima del big match contro la Reggina. Il centrocampista giallorosso in questo campionato ha già disputato diciannove partite, ha saltato per mancata convocazione soltanto la gara con la Paganese a metà dicembre, ed è la pedina perfetta per ricoprire le mansioni di Zaccaria Hamlili, infortunatosi proprio domenica alla clavicola. Come caratteristiche tecniche ha la duttilità tattica ed in fase di copertura e disimpegno offre ampie garanzie, non disdegna il tiro dalla distanza ed in alcuni casi ha giocato anche da mezz’ala, abile anche con i piedi ed infatti ha già servito due assist vincenti per i suoi compagni. Un ragazzo con personalità e per la categoria sarebbe un giocatore già rodato che conosce benissimo il girone ‘C’, arruolabile per lo sprint finale. Su Karim Laribi dell’Empoli, invece, è ancora tutto stazionario anche se non è escluso che già a metà settimana ci possa essere un ‘dentro’ o ‘fuori’. In casa Ascoli, infine, dopo la richiesta esosa del presidente Pulcinelli di cinque milioni per Ninkovic, non è escluso che si possa riaprire qualche spiraglio negli ultimi giorni di mercato, anche perché la società marchigiana ha completato proprio ieri l’acquisto di un altro regista. In uscita, invece, la Lega ha dato il placet per la cessione di Ferrari, si attende pertanto un’offerta adeguata per il ragazzo, in pole c’è la Salernitana di Gianpiero Ventura, il Piacenza, società in cui ha già militato, il Venezia ed altre pretendenti pronte ad inserirsi last minute. Per Samuele Neglia che da due giorni ha ripreso a correre e ad allenarsi con il resto del gruppo, continuano le sirene di mercato provenienti dal Monopoli, dalla Casertana e dall’Imolese, ma nessuna offerta concreta al momento. Infine nonostante la bocciatura di domenica per il biancorosso Awua, subentrato al ventiduesimo al posto di ‘Zac’ Hamlili e la sua conseguente sostituzione anticipata a dieci minuti circa dalla fine, la società ha deciso di dare fiducia al ragazzo che si è legato moltissimo alla piazza barese e vuole assolutamente dimostrare di essere all’altezza della situazione.

M.I.

 854 total views,  4 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *