Cronaca

Piano spostamenti del personale, tutto è ancora sulla carta

La Giunta Regionale da un anno ha approvato il PSCL, eppure bisogna concludere le indagini e arrivare alle conclusioni

E’ trascorso più d’un anno da quando la Regione Puglia, nel corso d’una seduta di marzo, ha approvato il Piano regionale degli Spostamenti casa lavoro (PSCL) riferito all’Anno 2022, già recepito a dicembre. Un piano che individuava le misure utili a orientare gli spostamenti casa-lavoro del personale dipendente verso forme di mobilità sostenibile alternative all’uso del veicolo privato a motore, con ricadute positive sull’impatto ambientale e sul traffico veicolare. Il Piano, sulla scorta di quanto preparato al tavolo del confronto col personale dall’ex assessore pugliese ai Trasporti Giannini (che prima di aprire le porte della nuova sede regionale di via Giovanni Gentile aveva già proposto e concordato con Amtab/Bari corse supplementari degli autobus nn. 12 e 12/) è stato redatto col supporto del Mobility Manager regionale dopo un’indagine conoscitiva condotta a mezzo di un questionario (facoltativo e anonimo), predisposto e diffuso a maggio 2022 a tutti i dipendenti regionali. Il questionario ha visto la partecipazione di 1797 dipendenti, di cui circa il 65% ha dichiarato di utilizzare in modo esclusivo l’auto per raggiungere le sedi di lavoro. “E’ proprio verso la ricerca e la promozione di soluzioni alternative che si indirizza il PSCL, rappresentando – come dichiarato dall’ex assessore alla Mobilità Maurodinoia – un’occasione per lo sviluppo di azioni volte a ottimizzare la mobilità dei dipendenti, in un’ottica di integrazione con i vigenti strumenti di programmazione in tema di trasporti e alle politiche ambientali, sociali, di sviluppo tecnologico e in generale connesse alla qualità di vita”. Dai dati acquisiti sul servizio di trasporto pubblico da e verso le sedi regionali, il 34% dei dipendenti che utilizza il mezzo proprio ha ammesso che “potrebbe” utilizzare i mezzi del TPL. Occorre, pertanto, orientare, di concerto con Comune di Bari e Azienda cittadina ai trasporti, orari e corse che possano soddisfare tali esigenze, con uno sguardo più attento ai lavoratori delle “sedi periferiche. Ma sempre l’anno scorso la Giunta regionale ha incaricato il Mobility Manager di favorire l’attuazione del PSCL anche al fine del relativo aggiornamento, a mezzo di nuove indagini specifiche sui bisogni dei dipendenti, della verifica preventiva delle azioni da avviare, in ordine alle priorità e strategie delineate dal Piano e all’esito delle consultazioni con i competenti soggetti coinvolti, nonché di predisporre forme di comunicazione ai dipendenti regionali durante la fase di attuazione delle iniziative e azioni previste. Insomma, il Piano già approvato dalla Regione ha avviato un percorso di cambiamento sensibilizzando la comunità pugliese al tema della mobilità sostenibile, in modo da creare una reale consapevolezza che conduca al miglioramento delle abitudini dei dipendenti dell’Ente. Il guaio è che siamo ancora in mezzo al guado, per non dire in mezzo a una strada…

Francesco De Martino


Pubblicato il 22 Giugno 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio