Sport

Polito: “Centrati tutti gli obiettivi”. Stasera anticipo serale contro il Palermo

Si è conclusa ieri la sessione invernale di mercato, per buona pace soprattutto dei tecnici e degli operatori di mercato, in quanto è oramai risaputo che soprattutto le ultime settimane distraggono i calciatori. Nel caso del Bari, il dirigente sportivo Ciro Polito alla stampa presente in loco ed a RadioBari, ha esternato la sua soddisfazione nell’aver centrato gli obiettivi preposti, da Guiebre, ultimo arrivato a Puscas, Lulic e Kallon. La disamina del dirigente, apparso sereno di aver compiuto il massimo che si potesse fare, anche se ha per mo meno ha ammesso che Aramu andava ceduto; Non voglio darmi voti, ma abbiamo fatto quel che volevamo fare. Davanti il mio obiettivo era Puscas, Kallon come esterno, Lulic in mezzo e Guiebre dietro. Il club ha portato a termine tutti gli obiettivi prefissati. Abbiamo avuto tante difficoltà con gli infortuni. Diaw tornerà entro venti giorni, Maiello entro un mese. Peccato per Koutsoupias, la cui stagione è finita. Aramu poteva andare al Cosenza, prendendo Calò ed un loro under, Fontanarosa; Aramu me lo ha chiesto anche la Ternana, ma lui ha rifiutato entrambe le destinazioni. Dovremo fare delle valutazioni, e proprio Aramu al momento è sacrificato, anche se è arrivato in estate, l’ho detto anche al procuratore. Abbiamo fatto altre scelte. In mezzo al campo siamo al completo, abbiamo quattro mezzali, col rientro di Maiello saremo a posto. Davanti abbiamo otto giocatori offensivi e 3 centravanti, Nasti, Diaw e Puscas. Questo è il primo momento di difficoltà della mia gestione, ho apprezzato la civiltà della manifestazione di dissenso dei tifosi con la Reggiana. Ora dobbiamo stare uniti, bisogna arrivare ad un obiettivo: quello di migliorare la situazione. Vogliamo dare soddisfazione alla città”. Sui social tutt’altro che soddisfazione ma malumori e delusione per un mercato che era stato presentato diversamente, sbagliando, perché si sa che il mercato di gennaio diviene sempre pi complesso ed un po’ di prudenza in pi sarebbe servita. Ma c’è da pensare alla gara, e poi a giugno si tireranno le somme, se le intenzioni della società sono quelle di proseguire seriamente disputando un campionato con reali e maggiori soddisfazioni o quello di farsi da parte, che sarebbe maggiormente apprezzato per come è la situazione con la tifoseria, alla luce di tanti errori commessi.

LE ULTIMISSIME – Si disputerà al “Barbera” la quarta giornata di ritorno tra due compagine che soltanto qualche stagione fa (19 dicembre 2021), si sono date battaglia in C e nell’ultima occasione terminò 0a0. All’andata di questa stagione invece terminò al San Nicola 1 a 1 con il Bari che finì per giocare in nove ed unno in campo, infortunato. Questa sera, si auspica possa esserci un nuovo copione da scrivere e che potrà arridere ai pugliesi su un campo storicamente ostico, dove l’ultima volta vinta avvenne il 18 maggio 1997 quando decisive risultarono le reti Olivares e Ventola. Per Marino dovrà fare a meno di Benali squalificato, ma dovrebbe contare su Guiebre, che non si sa ancora, se potrà essere a disposizione  partire già dalla panchina, oppure assisterà in tribuna dal Barbera. In difesa e nessun dubbio mentre in attacco Nasti insidia una maglia da titolare a Puscas, in ritardo di condizione ma bisognoso di minutaggio.  La probabile formazione dei biancorossi, che salvo cambi dell’ultim’ora sarà confermato il 4-3-3: Brenno; Dorval, Matino, Vicari, Ricci; Lulic, Maita, Edjouma; Kallon, Nasti, Sibilli. Mentre nel Palermo, Corini opporrà anche lui il 4-3-3 con i seguenti e lanciando probabilmente dal primo minuto Diakitè in gol con la Ternana al Bari e Filippo Ranocchia, giunto quest’ultimo dalla serie A: Pigliacelli; Diakité, Nedelcearu, Ceccaroni, Lund; Ranocchia, Gomes, Segre; Di Mariano, Brunori, Di Francesco. (Ph. Tess Lapedota).

M.I.

 


Pubblicato il 2 Febbraio 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio