Cronaca

Polizia Municipale di quartiere, chi l’ha vista ?

Correva l’anno 2009  ed il 16 Marzo il vice sindaco e assessore alla Sicurezza e Polizia Municipale Emanuele Martinelli e il comandante della Polizia Municipale Stefano Donati  illustrarono nel corso di una conferenza stampa a Palazzo di Città il servizio di Polizia Municipale di quartiere attivo già dal giorno successivo nelle nove Circoscrizioni cittadine.“Con l’istituzione della Polizia di prossimità –  dichiarò l’assessore Martinelli – l’Amministrazione comunale può dire a ragione di aver realizzato tutti gli obiettivi contenuti nelle linee programmatiche di governo della città in relazione al controllo e alla sicurezza del territorio.Martinelli  ricordò in tale occasione  l’attivazione della polizza Barisicura  , l’installazione di 61 telecamere in altrettanti punti nevralgici del territorio comunale che entro il 30 giugno sarebbero diventate in totale 104 , il servizio Cometa, con 16 totem che avrebbero consentito  ai cittadini di comunicare in tempo reale con la Sala Comando della PM ed infine l’assunzione di 161 nuovi vigili urbani. Azione, quest’ultima, che avrebbe consentito  l’attuazione del decentramento della Polizia Municipale in tutti i quartieri di Bari. Per una gestione ottimale dei rapporti – ma anche dei conflitti – con i cittadini, su iniziativa dell’assessorato alla Sicurezza e alla Polizia Municipale, i neo vigili di quartiere avrebbero frequentato un corso di formazione tenuto da docenti della Facoltà di Psicologia della Università di Bari.Già a partire da questa settimana gli agenti di Polizia Municipale –  spiegò inoltre Martinelli – saranno dislocati in tutti i quartieri,  periferie comprese. Ad ogni Circoscrizione sarà assegnato un nucleo fisso di agenti riconoscibili che opereranno esclusivamente in quel quartiere e saranno coordinati da due ufficiali e da un responsabile, che avrà il compito di  confrontarsi con i presidenti di Circoscrizione al fine di recepirne le istanze e le segnalazioni.Da martedì 17 marzo, dunque, il servizio di Polizia di quartiere sarebbe stato garantito tutti i giorni dalle 7.30 alle 21.00, con una pattuglia operativa per ciascun turno in ogni Circoscrizione. Al termine del corso di formazione, cioè a partire dal  14 aprile, ognuna delle 18 garitte installate sul territorio comunale  avrebbe avuto una pattuglia di riferimento vigili di quartiere saranno tutti dotati di un palmare –  spiegò poi il comandante Donati – per avere accesso immediato a numerose banche dati e quindi poter rispondere alle richieste dei cittadini in tempo reale.Per consentire ai cittadini di effettuare segnalazioni e porre quesiti agli agenti, dal 17 marzo sarebbe stato attivato  anche il numero verde 800 544 866, mentre nei luoghi di maggiore affluenza pubblica sarebbero stati comunicati anche i numeri del cellulare di servizio degli agenti impegnati nei quartieri di riferimento .Ovviamente , precisò Donati, i vigili di quartiere si aggiungeranno agli agenti di PM impegnati nelle operazioni ordinarie, quali in controllo e la sanzione delle eventuali infrazioni al Codice della strada, e saranno riconoscibili grazie ad una fascia a scacchi bianchi e rossi sulla manica sinistra della divisa”. In ultimo dai due amministratori fu divulgato il nuovo piano di decentramento e distribuzione  dei vigili nelle circoscrizioni1° Circoscrizione Palese – Santo Spirito: 29 agenti;2° Circoscrizione San Paolo – Stanic – Villaggio del Lavoratore: 27 agenti;3° Circoscrizione Picone – Poggiofranco: 30 agenti;4° Circoscrizione Carbonara – Ceglie – Loseto: 32 agenti;5° Circoscrizione Japigia – Torre a Mare: 26 agenti;6° Circoscrizione Carrassi – San Ppasquale: 33 agenti;7° Circoscrizione Madonnella: 22 agenti;8° Circoscrizione Libertà – Marconi – Fesca – San Girolamo: 37 agenti;9° Circoscrizione San Nicola – Murat: 62 agenti.Siamo nel 2013 e la realtà attuale non corrisponde a quanto promesso da Martinelli e Donati .La polizza Barisicura pare che non sia più attiva, i totem come quello di Piazza Mercato a S.Spirito è inattivo da sempre,  i vigili di quartieri non li ha visti praticamente nessuno. Delle telecamere nessuno sa se funzionano o meno. Le garitte ,veri monumenti allo spreco, sono desolatamente vuote tutto l’anno, le unità di vigili urbani assegnati ad ogni circoscrizione sono solo numeri di fantasia da giocare al lotto probabilmente come tutti i numeri che da Palazzo di città escono quotidianamente e profusi a iosa alla stampa.

 

Gaetano Macina


Pubblicato il 28 Giugno 2013

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio