La nomina di Ruggeri sconquassa l’Udc pugliese, ma anche la maggioranza di Emiliano
30 dicembre 2017
Grosso: “Meritavamo i tre punti”
30 dicembre 2017

Quando la visibilità è tutto… e Decaro alle chiese preferì le piazze

Distorcendo un po’ una massima evangelica, si potrebbe affermare che sarebbe stato più facile che un cammello fosse passato per la cruna di un ago anzichè vedere Decaro partecipare alla messa della vigilia di Natale nella chiesa di Santa Cecilia al rione Libertà. Occasione persa per il sindaco di Bari che, nonostante l’invito rivoltogli da tanti cittadini a presenziare ,sia pur nel tardo pomeriggio, al rito religioso più importante della cristianità  nel luogo di culto del più popoloso quartiere cittadino , ha preferito glissare  senza nemmeno addurre una qualche ragione. Nel quartiere Libertà ,assurto poche settimane fa agli onori delle cronache nazionali per ragioni di insicurezza e di invivibilità, i parroci di alcune chiese hanno preferito anticipare la messa della vigilia di Natale sia per ragioni di ordine pubblico, al fine di tutelare l’incolumità dei fedeli, sia ,secondo dichiarazioni di altri sacerdoti, per la scarsa affluenza di persone. Fatto sta che l’auspicato accoglimento da parte di Decaro dell’invito rivoltogli  dai cittadini a presenziare alla messa della sera,  avrebbe avuto una valenza di forte impatto simbolico facendo così sentire al popolo la presenza delle istituzioni, tanto più importante  in un momento così difficile come quello che attualmente sta vivendo il  quartiere,nel quale frange violente di extracomunitari si picchiano per strada  e dove la criminalità del posto sta  martoriando da anni il territorio costringendo  i residenti  nelle ore serali a rintanarsi in casa. Il Libertà, peraltro,  ha pure altre  e gravi emergenze irrisolte in fatto di sofferenze sociali ed economiche. Occasione, dunque, sciupata per il Sindaco, che si definisce pure cattolico; egli avrebbe potuto , nella circostanza della vigilia pure chiedere perdono per le sue omissioni e per i suoi peccati ,politici ed amministrativi ,si intende. Dei suoi validi assessori, inoltre, non si è intravisto nelle chiese del suddetto quartiere neppure l’ectoplasma,essendo forse tutti impegnati ad onorare tavole bandite o  a spendere i propri pingui emolumenti, pagati dai contribuenti, per acquistare i doni natalizi . Decaro, forse per salvarsi la coscienza ha promesso importanti progetti di riqualificazione per ora in itinere. Dalle chiese però  lui passa volentieri alle piazze, per la serie quando la visibilità è tutto. Anche questo fine anno infatti il buon Decaro non rinuncerà all’appuntamento in piazza Prefettura per il mega concerto che inaugurerà l’anno nuovo. Prodigo di suggerimenti  il sindaco ha già emanato il suo “decaro…go” ai tantissimi giovani e persone che saranno presenti a migliaia la notte di San Silvestro, consigliando loro  di non portare bottiglie di vetro e festeggiare preventivamente con lo spumante. La sua presenza non passerà di certo inosservata e tra selfie,varie passarelle  sul palco , social network e collegamenti televisivi e radiofonici la  popolarità del sindaco sarà stellare. In chiesa, invece,  solo raccoglimento e pentimento.  Fortunatamente per lui ,essendo una festa popolare, ottimi artisti canteranno  a squarciagola con la gente orecchiabili musiche leggere;  le immortali noti dell’Incompiuta di Schubert  invece  potrebbero ricordagli le sue tante “inadempienze” cominciando dai quartieri periferici abbandonati a se stessi con i residenti considerati figli di un dio minore. Ma è festa e non c’è spazio per le mestizie, per Decaro l’importante è apparire, per un proficuo ritorno mediatico ed elettorale . Buon anno a lui ed alla sua indefessa compagine assessorile, ma soprattutto buon 2018 a tutti i baresi che se lo godranno per tanti anni ancora  dando per scontata la sua rielezione.

 

Piero Ferrarese

1,327 Visite totali, 2 visite odierne

Condividi sui Social!

1 Comment

  1. Maurizio ha detto:

    Che strano…eppure dovrebbe essere grato al Signore per la sua folgorante carriera politica…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *