Cultura e Spettacoli

Quentin, Lynn e Frank: la Puglia oltre l’Atlantico

La storia del mondo di Hollywood considera non poche figure dal cognome assonante con la nostra terra

La storia del mondo di Hollywood considera non poche figure dal cognome assonante con la nostra terra. E’ il caso di Quentin Tarantino, regista, sceneggiatore e produttore nato nel Tennessee nel 1963. Da tutti giudicato il regista più influente della sua generazione, Tarantino si è aggiudicato due Oscar e sette nomination, giustificando la propria presenza tra le celebrità della Hollywood Walk of Fame. – La Hollywood Walk of Fame è un tratto di strada sulla collina di Hollywood a Los Angeles sui cui marciapiedi sono incastonate ad oggi 2730 stelle a cinque punte in ottone recanti i nomi di celebrità per il loro contributo (diretto e non) allo star sistema e all’industria dello spettacolo statunitense. – Meno nota invece, almeno per le ultime generazioni è stata Lynn Bari (nell’immagine), nome d’arte di Marjorie Schuyler Fisher, un’attrice statunitense che fra gli anni Trenta e gli anni Cinquanta recitò in oltre 150 film ricoprendo ruoli da protagonista. Figura versatile, fu a suo agio vestendo indifferentemente i panni della femme fatale o quelli della donna ambigua, coinvolta in pellicole a sfondo avventuroso e persino horror. Bellissima, vide la sua fama crescere al punto che durante la seconda guerra mondiale, stando ad un sondaggio condotto tra i soldati USA, la Bari risultò essere la seconda ragazza pin-up più popolare dopo Betty Grable. – col termine ‘pin-up’ venivano indicate quelle attrici le ragazze solitamente procaci, ammiccanti e sorridenti, che fotografate in abiti succinti, venivano adoperate per incentivare gli arruolamenti volontari ; il fenomeno incontrò però maggior successo tra i soldati al fronte, che usavano appendere le foto di queste ragazze negli armadietti o nelle tende da campo. – I suoi biografi sostengono che lo pseudonimo assunto inizialmente era Lynn Barrie, uno pseudonimo a metà strada fra i nomi dell’attrice teatrale Lynn Fontanne e dell’autore JM Barrie.  Ma dopo aver letto una storia di Bari l’attrice avrebbe deciso di cambiare l’ortografia… Più probabile invece che nel primo contratto cinematografico un errore di ortografia (Barrie/Bari) sia stato interpretato dall’attrice come un segno della Sorte da assecondare. A voler credere a certe cose, i fatti avrebbero dato ragione alla Bari. Consideriamo infine Frank Puglia (1892-1975) : Nato in Sicilia, nel 1907 emigrò con la famiglia negli Usa dove inizialmente trovò lavoro in una lavanderia prima di fare ingresso in una compagnia teatrale di New York. Sul palcoscenico venne notato da David Wark Griffith, il regista autore di ‘Nascita di una nazione’ e riconosciuto come quello dei padri della settima arte che stabilì le regole del ‘cinema narrativo’. Griffith introdusse Puglia nel mondo del cinema. Oltre a lavorare in quasi duecento pellicole, Frank Puglia fu tra i primi doppiatori italiani, prestando la voce a Clark Gable in ‘La via del male’, Wallace Beery ne ‘Il campione’ ed altre star hollywoodiane.

Italo Interesse

 


Pubblicato il 9 Marzo 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio