Villaggio Trieste, periferia della periferia abbandonata….
21 Gennaio 2011
Un poeta del colore è in passerella al circolo tennis: Michele Loconsole
22 Gennaio 2011

Ridotta l’indennità ai politici: ma è ancora troppo poco

548.232 mila euro in meno all’anno per i costi della politica pugliese. La Regione infatti,  si è appena adattata alla riduzione del 10 % degli stipendi di Assessori, Presidenti e Consiglieri, imposta dalla legge nazionale. Una bella somma, che dovrebbe dare un’immagine nuova alla politica da carrozzone. Eppure, scorrendo le voci e le indennità che compongono gli assegni mensili  dei politici nostrani, ci si accorge facilmente di quanto quella riduzione abbia del ridicolo e di quanto si sarebbe potuto ancora tagliare senza lasciare nessuno a mani vuote. La tabella con lo schema delle indennità in godimento e quelle in adeguamento dal primo gennaio 2011, ha già qualcosa di strano. Innanzitutto, c’è da dire che il trattamento mensile dei  politici di via Capruzzi si compone in più voci: l’indennità di mandato, la diaria di funzione e il rimborso spese con gli elettori. Su quest’ultima voce si potrebbe avanzare qualche dubbio, visto che viene riconosciuta anche agli Assessori esterni che, non essendo stati eletti, elettori non ne hanno (…). A parte questo però, il redattore della tabella avrà fatto un po’ di confusione scambiando la diaria di funzione con il rimborso per i soggiorni a Bari dei politici. Voce, quest’ultima, inesistente nel trattamento economico dei consiglieri, e che rientra invece nelle spese  e benefit della Regione, non essendo parte integrante della  loro <>. Ma andiamo al sodo, iniziando dal primo uomo della Puglia Nichi Vendola. Il Presidente ha percepito fino a poco tempo fa, 20.429 mila euro al mese. Con la riduzione –che doveva essere un toccasana per le tasche dei cittadini- prenderà 19.467 mila euro. Traduzione: 960 euro in meno, su uno stipendio di 20 mila euro circa. Passando dal Presidente della Giunta a quello del Consiglio in carica Onofrio Introna, le cose non cambiano. Da 18.549 mila euro, Introna si dovrà accontentare di 17.775 mila euro  e per  lui sono 774 euro dopo il segno meno.  Per il vice Presidente del la Giunta –carica attualmente ricoperta dalla lady Loredana Capone- si passa da 18.101 mila euro a 17.372 mila. Si vede  sfilare 680 euro anche il vice Presidente del Consiglio, che poteva contare su 17.689 mila euro . E la stessa magra la vivono anche gli Assessori Consiglieri, senza nessuna differenza.  Gli Assessori esterni altresì, da 16.266 mila euro, ne prenderanno  15.720 mila. Potrebbe dirsi a tal proposito – e riprendendo  quanto già scritto- che la Puglia abbia perso un’ottima occasione di risparmio intelligente. Il rimborso spese per il rapporto con gli elettori infatti, continua ad essere presente nel trattamento degli Assessori esterni con una riduzione peraltro comica di 98 euro. I  Consiglieri segretari dell’Ufficio di Presidenza conteranno su un mensile di 16.647 mila euro, a fronte dei vecchi 17.296 mila euro.  E così, si arriva allo stipendio dei Consiglieri Regionali semplici, che da 16.662 mila euro stringeranno la cinghia e si <>  a 15.720 mila euro. Insomma, è chiaro che si sarebbe potuto fare qualche sforzo in più, nonostante si sia dato seguito solo ad un obbligo imposto dalla legge nazionale. Ma in un momento in cui si chiudono ospedali e reparti, si tagliano i servizi… Beh, qualche taglio più incisivo l’avrebbe potuto subire anche la politica, forse.
 
Federica Stea
 
 
 

 562 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *