Il Bitonto vince in scioltezza contro la Primavera del Monopoli
5 Agosto 2022
Il Maestro reclinò il capo sulla tastiera
5 Agosto 2022

Riverbera il richiamo del Pakistan

Forse è stata la prima volta a Bari dell’esibizione di una cantante pakistana. Molto attesa dopo l’affermazione di quest’anno al ‘Grammy Award for Best Global Music Performance’ con ‘Mohabbat’, Arooj Aftab, martedì scorso, ha raccolto un cinquecento spettatori, tra cui molti stranieri, sul sagrato della Basilica di San Nicola. Divenuta celebre nel proprio paese durante i primi anni del Duemila, la cantante si è poi trasferita negli USA dove vive, si è laureata ed ha pubblicato tre album assai apprezzati : ‘Bird under water (2015) ‘Sirenislands’ (2018) e ‘Vulture Prince’ (2021). Raffinata compositrice, la Aftab –  scrive chi la presenta – “flutta  tra minimalismo classico e new age, poesia devozionale Sufi e trance elettronica con strutture jazz”. Tuttavia di jazz si è sentito nulla in questo concerto barese, unico in Puglia ed inserito non si sa a che titolo nel cartellone di ‘Bari in jazz 2022. Accompagnata da due strumentisti – una chitarra acustica e un violino entrambi campionati – la Aftab ha messo in luce una buona tecnica individuale, posta al servizio di una linea melodica pensosa e dolente. Ne è venuto fuori qualcosa di prossimo a un lento etno-blues caratterizzato da lunghi vocalizzi nella cui eco nostalgica vibrava l’omaggio alla Terra Madre. A corto di presenza scenica (statica, affatto sciolta, look dimesso), Arooj Aftab ha compensato il limite manifestando una vivace propensione al dialogo, anche divertito, col pubblico, cui ad intervalli lanciava rose rosse (degno di nota l’apprezzamento che la cantante ha avuto per la bellezza di Piazza San Nicola, un “paradiso” a confronti di certi ‘contenitori’ del milanese nei quali si era in precedenza esibita nel corso della sua tournée italiana). In definitiva un concerto molto apprezzato, nonostante una mediocre amplificazione e un insignificante disegno luci. Il prossimo appuntamento con ‘Bari in jazz 2022’ è fissato per giovedì 18 agosto, a Torre a Mare. In cartellone : Cristina Donà. Tale rassegna s’inserisce nella quinta edizione di Festa del Mare,promossa dalla Regione Puglia in collaborazione col Comune di Bari e realizzata dal Teatro Pubblico Pugliese. Il calendario degli eventi di Festa del Mare prevede ancora numerosi appuntamenti, molti dei quali pensati per la valorizzazione di inediti siti del nostro litorale. Segnaliamo tra questi il Premio Nino Rota (Torre a Mare, 19 e 20 agosto), lo spettacolo d’apertura del ‘Bari Piano Festival’, che avrà luogo a Torre Quetta domenica 21 agosto, e, in chiusura, il 2 settembre, il concerto di Mirko Signorile a Santo Spirito (il pianista barese presenterà la sua ultima incisione, ‘A part of me’).

Italo Interesse

 241 total views,  5 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *