I troppi errori e gli infortuni condizionano il cammino del Bari
14 Novembre 2012
“L’Italiana in Algeri” di scena al Petruzzelli
14 Novembre 2012

Rock, love & piselli

Di tutte le fiabe di Andersen ‘La principessa sul pisello’ è la più asciutta. Forse per questo fino ad ora non era mai stata messa in scena. A colmare la lacuna provvede Lucia Zotti con una gustosa riscrittura e una regia vincente. Produzione Kismet, ‘La principessa sul pisello’ domenica scorsa al teatro di Strada San Giorgio ha fatto il tutto esaurito raccogliendo l’unanime consenso della platea. Un ben meritato successo che trova spiegazione nella limpidezza di un progetto cui consegue un allestimento coerente. La storia si frange in tre parti ; in ciascuna di esse, ben distribuite, è possibile rintracciare tutte, o quasi, le famose carte-stazioni di Propp (lo studio della simbologia è di Francesca Lisi). Nella prima parte il protagonista (il Principino Nicola, interpretato dal bravo Nico Masciullo), avvolto nella bambagia di corte, si rifiuta di crescere ; motivo per il quale deve patire le ansie soffocanti di una Regina Madre (la debordante Monica Contini) che vuole il figlio finalmente adulto, perciò fuori dai piedi e in cerca di una sposa, si capisce di sangue reale. Nel segmento successivo ha inizio per questo ragazzone dal sangue blu e il cuore rockettaro un’avventura on the road (le insidie dell’autostop, ristoratori carogne, le lusinghe di un festival per debuttanti, l’ingaggio ad opera di una manager cialtrona e pure virago, il diventare preda d’un casareccio star system…). Unica consolazione in tanto sbattimento, l’incontro con Carolina (la versatile Deianira Dragone), questa ragazza comune, così fresca e premurosa. Scoccato l’amore, il Principino ‘fa’ grande, perciò giudica maturo il momento per tornare a casa e presentare la prossima consorte. Terza e ultima parte con la novità di un pisello fatato e parlante e che con leguminacea saggezza suggerisce alla fanciulla si passare scomodamente la notte su una sedia. Il gradimento reale anticipa le nozze del ‘vissero felici’. Un lavoro gradevole, ricco di gag, frizzante e danzerino, personalizzato da musiche ad hoc (Masciullo/Zotti), avvolto da un arioso disegno luci (Gianvito Marasciulo) e scene felicemente lineari. – Prossimo appuntamento Kismet, sabato 24 con la compagnia Interno 5/Ludwig che presenta  ‘Frateme’, un testo di Benedetto Sicca, che dirige Paola Michelini, Luca Saccoia, Giorgio Sorrentino, Emilio Vacca, Valentina Vacca, Francesco Vitello e Camilla Zorzi (si replica l’indomani sera) – Invece per il cartellone ragazzi sarà la volta, domenica 25 alle 18, di ‘Lupusinfabula…e’ di Miriam Bardini ; in scena con l’autrice, Gigi Tapella, che cura anche la regia. Una produzione Nautai Teatro che  è stata finalista all’ultima edizione del Premio Nazionale E.T.I. Stregagatto.

Italo Interesse

 742 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *