La rabbia dei disabili: “Regole uniche per le nostre forniture”
10 Settembre 2020
Le chitarre del Gargano
11 Settembre 2020

Romairone sta costruendo un Bari sfavillante ed estroso

Fermento in casa biancorossa per il calciomercato associato all’entusiasmo ritrovato dei tifosi, per lo meno di quel centinaio che in questi due giorni non hanno fatto mancare il proprio supporto alla squadra. Seppur il tifo sarà assente dagli stadi ancora non sappiamo per quanto tempo, la presenza seppur a distanza e nel rispetto delle norme previste dal protocollo quella non manca e non mancherà perché il popolo biancorosso ama la squadra della propria città, un amore a quanto pare incondizionato. Per quanto concerne il capitolo calciomercato: già da due giorni il centrocampista biancorosso, Folorunsho si è allena a parte, questa volta però sembra oramai cosa fatta, la Reggina del patron Gallo salvo intoppi ha concluso tale operazione. La storia del centrocampista romano, classe 1998, è quasi bizzarra perché era considerato una promessa del settore giovanile biancoceleste ma nonostante tutto il club di Lotito non ha mai puntato sul suo talento e lo ha svincolato, così come ha fatto con altri giocatori di talento che adesso militano in Lega Pro in altri club e faranno rimpiangere tali scelte affrettate. Tuttavia il giocatore non ha accusato il colpo perché trasferitosi alla Virtus Francavilla, voluto dall’allora diesse barese, Domenico Fracchiolla, quest’ultimo oggi al Lecco, ha disputato due stagioni ad altissimi livelli con cross e gol e soprattutto prestazioni da convincere il Napoli ad acquistare il cartellino per poi giralo al Bari dalla scorsa stagione (con un prestito biennale, ndr). Nella scorsa stagione complice un infortunio ed uno scarso utilizzo da parte delle due guide tecniche che si sono alternate nella scorsa stagione. Nella sua unica stagione in biancorosso, Folorunsho ha collezionato quindici presenze, comprese due di Coppa Italia di C. Alla Reggina sicuramente non sarà titolare in una formazione peraltro che sulla carta lotterà per il vertice e vedrà il suo debutto a breve contro la Salernitana, ma sicuramente potrà ritrovare stimoli che evidentemente aveva perso. In uscita ci sono da ravvisare altre due operazioni: quella di Kupisz alla Salernitana, da vedere se sarà aggiunto anche Schiavone in quanto il club campano voleva anche Gennaro Tutino, ma quest’ultimo forse per questioni campanilistiche o altri motivi è orientato verso altri club; l’altra operazione che lo vede sempre più lontano da Bari riguarda il terzino sinistro offensivo, ex Spal, Filippo Costa, anche lui ha svolto allenamento differenziato due giorni fa, e su di lui è piombata la Virtus Entella che lo vuole fortemente nella prossima serie B come protagonista. Senza dimenticare anche di altri nomi in esubero e che potrebbero essere ceduti quali: Berra, Scavone ed Esposito, e lo stesso Neglia, voluto da diversi club in Lega Pro. Da ieri, invece, è giunto in città come testimoniato dal proprio profilo Instagram del giocatore stesso, Manuel Marras. Morras è un centrocampista offensivo, svincolatosi dal Livorno, squadra dove soltanto nell’ultima stagione ha realizzato otto reti e prestazioni da leader. Difficile però in questo caso che venga immediatamente annunciata l’ufficialità perché bisognerà attendere prima l’esito del tampone e delle visite mediche, e dopodiché apporrà la sua firma in biancorosso e potrà allenarsi con i nuovi compagni.  Il giocatore era richiesto da diversi club di serie B, ma alla chiamata dei biancorossi non ha esitato a quanto pare a scegliere per Bari. Infine, un altro colpo sempre a parametro zero è Tommaso D’Orazio, svincolatosi dal Cosenza, il giocatore già allenato da Auteri, pare abbia raggiunto l’accordo con i biancorossi. C’è interesse anche su un altro giocatore, sul quale ci sono diversi club di cadetteria, ed è l’ex Teramo, svincolatosi dall’Avellino, Alessandro Di Paolantonio, classe 1992, già obiettivo a gennaio del Bari di Vincenzo Vivarini ma il club irpino non se ne volle privare, il centrocampista costituirebbe l’alternativa a De Risio del Catanzaro in quanto i calabresi hanno alzato le pretese economiche. Di Paolantonio, invece, ha il fiuto del gol oltre che senso della posizione e nella sua carriera soltanto in C, ha già realizzato ventisei reti, un bottino lusinghiero. (Ph Tess Lapedota )

Marco Iusco

 513 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *