Sport

Scelto il nuovo tecnico biancorosso: è Moreno Longo

Le origini del tecnico e la voglia di mettersi in gioco in una piazza importante, hanno fatto sì che la trattativa tra Longo e la società del Bari si realizzasse in pochi giorni

Manca solo l’ufficialità, che dovrebbe arrivare a seguito della firma di un contratto biennale per la panchina del Bari da parte di Moreno Longo. Ex tecnico dell’Alessandria, del Torino e del Como, nell’ultima stagione è stato esonerato in modo bizzarro da quinto in classifica – terzo virtualmente a causa di una partita da recuperare -, dopo una vittoria. Longo era stato già, nella scorsa stagione, accostato al Bari, nello specifico dopo la partita contro il Palermo, a seguito dell’esonero di Pasquale Marino. Ciò che aveva attratto l’attenzione della società barese sono state sicuramente, al di là delle doti tecniche e dei risultati del giovane allenatore, anche le sue origini pugliesi, avendo madre barese e padre foggiano. Le origini del tecnico e la voglia di mettersi in gioco in una piazza importante, hanno fatto sì che la trattativa tra Longo e la società del Bari si realizzasse in pochi giorni.

E’ stato definito anche quello che sarà lo staff tecnico di Moreno Longo: Dario Migliaccio allenatore in seconda, Paolo Nava preparatore atletico, Luca Ceccarelli collaboratore tecnico, con il presunto mantenimento del ruolo di preparatore di portieri da parte di Roberto Maurantonio.

Longo arriva a Bari con un curriculum di tutto rispetto, ma su tutti i successi spicca la conquista della Serie A nella stagione 2017-2018, grazie alla vittoria di una finale playoff del Frosinone. A tal riguardo, è intervenuto ai microfoni di Passione Bari Radio Selene, un suo ex giocatore, Emanuele Terranova, anche ex difensore biancorosso della stagione 2021-2022, in cui ha conquistato la promozione in Serie B con i galletti. Terranova ha espresso elogi per il suo ex tecnico, contento per il futuro da allenatore in una piazza importante come quella di Bari che, a lui stesso, suscita tanti ricordi ed emozioni positive. Ha dichiarato che si tratta di un tecnico che sa lavorare bene con il materiale a disposizione e che sa adattarsi ad ogni esigenza tecnica, non prediligendo nessun modulo in particolare, se pur quasi sempre accostato alla difesa a tre. Ha poi sottolineato come il mister sia abituato a gestire lo spogliatoio, parlando sempre in modo onesto e schietto, per il bene della squadra. E’ anche un uomo abituato a gestire quelle che potrebbero essere le pressioni di una piazza importante come Bari.

L’ufficialità di Longo arriverà, probabilmente, prima di quella del direttore Giuseppe Magalini, in quanto l’ex direttore del Catanzaro è vincolato alla società calabrese fino al 30 giugno da contratto e resta ancora da sciogliere il nodo della scrittura privata che ha siglato con il Presidente Noto, la quale prevedeva un accordo di massima sulla stagione a venire.

Da sottolineare come l’ex tecnico del Bari, ancora sotto contratto fino al 30 giugno 2025, Beppe Iachini, dovrebbe rescindere con la società pugliese, grazie ad una clausola presente nel contratto che lo lega al Bari, dietro il pagamento di una penale che ammonta alla metà dell’ingaggio previsto per l’intera stagione. In questa maniera, il Bari si alleggerirebbe quantomeno di una parte economica che, altrimenti, avrebbe gravato sul bilancio societario e potrebbe, invece, agevolerebbe le pratiche economiche della società, in virtù della prossima apertura del calcio mercato.

Con Valerio Di Cesare che, molto probabilmente, dovrebbe ricoprire il ruolo di dirigente, il quadro tecnico dovrebbe essere al completo per ripartire alla costruzione della nuova stagione. Il primo tassello, riguardante il riscatto dei prestiti, è stato pigiato: Sibilli è stato riscattato dal Pisa e ha firmato un contratto biennale. L’attaccante napoletano è stato l’unico prestito riscattato, mentre tutti gli altri, tra cui Brenno, Puscas, Edjouma, Guiebre, Diaw, Acampora, Aramu, Koutsoupias, Kallon e Nasti, sono ritornati alle relative squadre di appartenenza. Puscas è attualmente l’unico ex giocatore del Bari ad essere impegnato, con la nazionale della Romania, agli Europei di Germania. La squadra necessita ovviamente una rifondazione totale, con l’innesto di almeno una quindicina di nuovi elementi. Si attende, in settimana, una conferenza stampa da parte della società per la presentazione dei nuovi innesti tecnici. (ph. Tess Lapedota)

T.L.

 


Pubblicato il 18 Giugno 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio