Rose divenne Marie, la grande ‘lorette’
15 Gennaio 2022
Arpal Puglia: i neoassunti ancora senza stipendio
15 Gennaio 2022

Se il piccione ‘marcava cassetta’…

C’era una volta il tiro al piccione. Questo ‘sport’, poiché come tale classificato, toccò l’apice in occasione dei Giochi di Parigi del 1900, nell’occasione rientrando tra le discipline olimpioniche. Poi, lentamente, tale gara cominciò ad essere eliminata prima dai giochi olimpici, poi dal panorama sportivo di questo e quell’altro paese. Al momento, il tiro al piccione è praticato solo in Spagna, dove – fra non poche contestazioni – si disputano i campionati europei e mondiali di categoria. In Italia la disciplina ha smesso d’essere praticata alla fine degli anni settanta. Il tiro al piccione ha origini relativamente remote, essendo legato all’introduzione delle armi da fuoco (che il suo antenato prevedesse l’arco ?). Poiché i primi fucili accettabilmente precisi apparvero solo a metà Settecento, a quel periodo si può assegnare l’inizio della crudele pratica. Inizialmente a lanciare a mano le bestiole erano ‘serventi’ pronti a stendersi a terra per evitare d’essere colpiti. Questo sistema, che dovette considerare qualche morto, venne più avanti sostituito da quello che prevedeva la presenza di una gabbietta posta a terra. Azionata elettricamente, la gabbietta poteva aprirsi ad un comando del giudice di gara. Contestualmente, lo stesso comando imprimeva anche una leggera scossa all’intera gabbia, che era in metallo, allo scopo di spaventare la vittima e spingerla senza indugio verso l’unica via di fuga. Una volta che il piccione, libero ma dolorosamente ignaro, si alzava in volo, il concorrente faceva fuoco.Immagini il lettore l’aspetto del terreno di gioco a fine gara : una poltiglia di penne e carne. Ma ogni tanto qualche volatile la faceva franca. Oltre che impreciso, il tiratore poteva anche essere sfortunato. Succedeva infatti che i piccioni ‘marcassero cassetta’, cioè non si alzassero in volo o, al più, dopo essersi appena librati, tornassero a terra dopo un breve svolazzo ; e in basso, ad altezza d’uomo, per ragioni di sicurezza non era consentito tirare. Oppure poteva succedere che invece di piccioni, di fagiani o quaglie (tutta ‘merce’ d’allevamento) venissero utilizzati esemplari di palomas zuritos, una specie di piccione che scattava dalla cassetta con velocità fulminea e con varianti di volo talmente imprevedibili da mettere in difficoltà anche un ‘campione’ di tiro. A Bari si tirava al piccione nel poligono, successivamente adattato alla più civile disciplina del tiro al piattello, che trovava posto in un angolo dello Stabilimento Balneare Militare ‘Tiro a Volo’, posto tra lo sbocco di Lama Balice e Palese. Il tiro al piccione è stato sostituito da quello finalmente incruento ‘all’elica’ ; in sostanza, con le stesse modalità, si tira a un elica in plastica che, lanciata da un apposito strumento, si avvita in aria riproducendo lo stesso movimento di un volatile. Un gesto di civiltà che risale al 1968 e che proviene dal Belgio.

 

Italo Interesse

 

 

 1,063 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

1 Comment

  1. Gianfranco ha detto:

    Imprecisioni da correggere. La pratica in Italia è durata fino al 1994, anche se la legge di abolizione porta una data di qualche anno precedente. Gli inizi non hanno ancora una data precisa. Qualcuno ritiene di farli risalire alla fine del ‘700, ma è solo dalla prima metà dell’Ottocento che abbiamo testimonianze precise al riguardo. Prima dell’introduzione delle cassette a comando elettrico si ricorse a cassette la cui apertura veniva azionata attraverso semplici corde tirate a mano da un inserviente posto alle spalle del tiratore. Con l’avvento dei meccanismi elettrici il piccione non veniva spaventato da nessuna scossa e, se marcava, veniva indotto al volo tramite lancio di bocce. Il piccione che marcava non risultava in genere pericoloso per il tiratore, che aveva la possibilità di tirare il primo colpo quando il piccione fosse poi partito in volo e poteva altresì sparare il secondo qualora il piccione tornasse a posarsi in terra, non essendovi nessun pericolo a sparare ad altezza d’uomo, in quanto il campo era munito di tutte le precauzioni di sicurezza. Non mi risulta si sia mai tirato ai fagiani. A Bari si tirava sia al volatile che al piattello nella stessa epoca. L’elica è nata nei primi anni ’60, dopo l’abolizione del tiro al piccione nel Principato di Monaco.

Rispondi a Gianfranco Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *