Cronaca

Se si aprisse un ‘cratere’ anche nel parco ‘Mimmo Bucci, chi ne risponderebbe?

Parco Mimmo Bucci, cuore popoloso del quartiere LIbertà: dopo non moltissimi mesi dalla consegna, il parco praticamente “sprofonda” nella parte centrale  e ad oggi, a distanza di circa due anni, nulla è stato fatto per rimettere la situazione alla normalità.  Di chi sono le responsabilità? A chi spetta intervenire? Le domande, ovviamente retoriche, sono dell’ex consigliere comunale e segretario del Gruppo Indipendente/Libertà Luigi Cipriani, che ha sempre denunciato la latitanza di tecnici e amministratori civici nella cura e manutenzione del polmone verde sin dal primo giorno. Anzi, fin dal primo momento, visto che i problemi sono stati anche di ordine pubblico e pulizia fin dal primo giorno, come ha sempre evidenziato Cipriani. Che ieri è nuovamente tornato nel dettaglio: <>, spara ad alzo zero il segretario barese del gruppo Indipendente, a poche settimane di distanza da un’altra denuncia caduta nel dimenticatoio, nelle stanze del Comune di Bari. Alla luce di quanto sopra, quindi, Cipriani si rivolge daccapo a sindaco, assessori e tecnici dell’Ufficio Giardini del Comune di Bari dicendo chiaro e tondo che “…il persistere di queste, gravi anomalie strutturali comporta una concreta ipotesi di danno erariale, tenuto conto della discrepanza tra la somma utilizzata per la realizzazione del parco e l’utilizzo parziale e rischioso in cui continua a versare la struttura. <>. In attesa di risposte, è chiaro che se entro breve termine non si avranno rassicurazioni sulle modalità e tempi di intervento, l’ex consigliere non si limiterà più alle denunce su giornali e televisioni locali, inviando “dettagliata denuncia” alla Corte dei Conti al fine di individuare i responsabili di eventuali sprechi e danni erariali.

 

Antonio De Luigi


Pubblicato il 25 Febbraio 2015

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio