L’Università di Bari inaugura l’anno accademico nel segno della pace
23 Gennaio 2023
Un biglietto salvò Garibaldi
24 Gennaio 2023

Sei i finalisti del premio Mimmo Bucci

Sono sei i finalisti della XIII edizione del Premio Mimmo Bucci – Festival Nazionale della musica emergente, che si terrà il 4 febbraio prossimo alle ore 20 al teatro Petruzzelli. L’iniziativa, nata per ricordare Mimmo Bucci, frontman del gruppo “La combriccola di Vasco”, travolto e ucciso da una moto pirata sul lungomare di Bari la notte del 15 maggio 2007, ha l’obiettivo di dare spazio e voce ai giovani musicisti, e allo stesso tempo di offrire loro un’occasione per emergere nel panorama musicale nazionale. Questi i finalisti: Nathalie con Brividi di vita, Azy Rey con Converse, Be Clayre con High for free/paura, Metaverso con Il bersaglio delle tue debolezze, Alic’è con Sigaretta e Michela e Massimo con Tormento.
La finale è stata presentata a Palazzo di Città alla presenza dell’assessora comunale alle Culture Ines Pierucci, dei genitori di Mimmo, Franca e Antonio Bucci, del direttore artistico del festival Antonello Vannucci e del presidente della giuria Pasquale Trentatré. Condurranno la serata Mauro Pulpito e Stefania Losito.
“Siamo particolarmente lieti di presentare la tredicesima edizione di questo premio che ricorda una figura molto importante per la città, Mimmo Bucci, un ragazzo che credeva tantissimo nel potere della musica e nelle innovazioni musicali – ha esordito Ines Pierucci -. Sono sicura che, se oggi fosse qui, Mimmo avrebbe cavalcato le nuove tecnologie, visto che già allora mostrava grande interesse per le evoluzioni digitali”.
“Ringraziamo tutte le istituzioni pubbliche e le realtà che anche quest’anno ci consentono di portare avanti questa iniziativa che, nel nome di Mimmo, offre la possibilità a tanti ragazzi e ragazze di continuare a credere nel loro sogno – hanno dichiarato i coniugi Bucci -. Siamo assolutamente d’accordo con l’assessora Pierucci: nostro figlio si sarebbe sentito perfettamente a suo agio in questo periodo storico, perché la tecnologia era una delle sue passioni. E la musica era la sua vita”.

 

 204 total views

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *