Cronaca

Senza luce, guard-rail e segnaletica: strade a rischio verso Carbonara

L’ha vergata pochi giorni fa, l’ex assessore comunale Giuseppe Calabrese, la sua richiesta per iscritto inoltrata a Comune ed altri enti competenti per le opere da eseguire lungo via Fanelli e in Contrada Santa Lucia Torrelonga, verso Carbonara. Di seguito alla nota n.127900 del 30/05/2016 e ai precedenti della pratica Calabrese ha ripreso carta e penna per ribadire, nuovamente, che i cittadini e gli esercenti le attività agricole-industriali estrattive ed agrituristiche operanti in Contrada Santa Lucia – Torrelonga, in particolare in Strada Fanelli fino all’incrocio di Strada Provinciale 144 Carbonara-Triggiano, al confine comunale di Strada Ceglie-Triggiano-Capurso,  sempre per suo tramite, avevano più volte richiesto di vedere eseguite alcune opere pubbliche. Tanto per rinfrescare la memoria ai tecnici, dirigenti ed assessori vari: 1)- rifacimento del manto stradale su tutto il tratto che va dall’incrocio di Strada Sanzano-Madonna delle Grazie proseguendo per strada Fanelli fino all’incrocio con Strada Provinciale 144 Carbonara-Triggiano ed il ripristino dei relativi margini stradali; 2)- rifacimento della segnaletica stradale, sia orizzontale che verticale, nonché la posa in opera delle targhe  dei relativi toponimi; 3)- definizione degli argini e totale bonifica del letto del Canalone strada La Vela e Strada Madonna delle Grazie di detta Contrada, nonché la contestuale messa in opera di idonei interventi per assicurare la incolumità dei cittadini utenti della zona, fortemente in pericolo. 4)- completamento dell’impianto di pubblica illuminazione. <<E’ utile ricordare che detta Strada è stata classificata Comunale extra-urbana da strada Vicinale di uso pubblico con delibere del Consiglio Comunale del 7 marzo 1975 n.215 e del 6 agosto 1979 n.636>>, si legge ancora nell’ultima missiva di Giuseppe Calabrese. Che in definitiva sta cercando di riattivare la procedura relativa alla progettazione definitiva ed esecutiva della fogna fluviale a servizio dell’abitato di Carbonara e Ceglie del Campo, sperando che dopo tanti anni sia ancora possibile realizzare tutte le altre opere fognarie nel territorio indicato dal segretario Pri per evitare disagi e danni ai cittadini che si creano durante le frequenti e abbondanti piogge, specie  nella stagione invernale. <<Tali eventi atmosferici infatti, possono con frequenza procurare l’allagamento dei numerosi pianoterra e dei vari interrati delle abitazioni esistenti nel centro storico del IV° Municipio – scriveva già un paio di anni fa Calabrese – considerando anche la non periodica manutenzione sia dei tombini che delle caditoie esistenti lungo le strade del terri-torio indicato in oggetto, che concorrono notevolmente al mancato deflusso delle acque meteoriche verso la rete fognaria, attualmente assolutamente carente>>.  Insomma, cosa manca per la messa in esercizio della intera rete fognaria e della rete pluviale tuttora carente? Le Autorità competenti sono state interessate più e più volte a predisporre un idoneo programma che preveda il sistematico controllo e la manutenzione  periodica dei tombini e delle caditoie e relativa disinfestazione e sanificazione, specie nei periodi estivi e di calura. Ma nessuno ha mai risposto, da Palazzo di Città, anche se si tratta di evitare i disagi innanzi descritti ed eventuali danni alla salute delle persone, specie per i più deboli, senza parlare del proliferare dei topi, delle blatte e dei vari insetti anche di tipo mortali. Strada La Trofa, Vico I° Stazione, Strada Santa Maria Vi Salvi (contrada Pozzo d’Argento) e Strada Fanelli ( contrada Santa Lucia-Torrelonga) rappresenta pure l’elenco delle arterie con “l’urgente esigenza” di vedere eseguiti lavori di bitumazione e quanto altro necessario per metterle in sicurezza, ma nessuno ha mai risposto. Forse aspettando la prossima campagna elettorale per le elezioni amministrative….

 

Antonio De Luigi

 


Pubblicato il 12 Luglio 2018

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio