Una notte di ordinaria malasanità a Bari
22 Marzo 2013
Ramoscelli d’ulivo e cenere benedetta
23 Marzo 2013

Sfruttare il buon momento di forma e guadagnare altri punti preziosi

Sabato di vigilia di campionato tra Empoli e Bari. Al Castellani si affrontano le due compagini apparse più in forma nelle ultime uscite.La partita sarà affidata al sig. Renzo Candussio della sezione di Cervignano, assistito dai guardalinee Melloni e Paiusco.In casa toscana il tecnico Sarri cambia qualcosa, gli azzurri si sono allentati tutti insieme nel pomeriggio di giovedì, dopo aver effettuato l’allenamento del mercoledì, in cui la squadra aveva lavorato divisa tra chi era stato impegnato contro il Modena e chi no. Tra infortuni e convocazioni nazionali, l’allenatore empolese deve sciogliere ancora qualche dubbio. Tra gli infortunati ha recuperato Ferreira rientrato in Toscana, dopo aver subito la lesione parziale del legamento del crociato sinistro nella gara contro il Lanciano. Potrebbe rientrare sul campo una volta aver completato la riabilitazione nel finale di campionato. In difesa l’Empoli appare in emergenza, non ci sarà Hysaj impegnato con la nazionale albanese per le qualificazioni ai mondiali, Regini convocato dal ct dell’under 21 Mangia, stessa cosa per il compagno Saponara, i due rientreranno con la Pro Vercelli. Non ci saranno Pratali infortunato di lungo corso e Accardi fattosi male durante la partita contro il Modena di sabato. Le sue condizioni saranno valutate, sembra che possa recuperare per domenica. Sarri dovrebbe optare per la solita difesa a quattro con Laurini a destra, centrali Romeo e Tonelli, a sinistra Gigliotti. Ballottaggio tra Pucciarelli e Croce in sostituzione di Saponara.Per quel che riguarda il Bari Torrente potrebbe ritrovare Ceppitelli uscito malconcio contro il Padova; da valutare le condizioni di Polenta durante la rifinitura. Qualora entrambi non dovessero farcela pronto Altobello. Resta da capire se il tecnico di Cetara vorrà continuare a dar fiducia agli uomini d’esperienza sopratutto in mezzo al campo sfruttando il buon momento di forma di quest’ultimi, lasciando ancora una volta Bellomo, oltre Galano e Fedato, in panchina. Non ci sarà Ristovski impegnato con la nazionale macedone per qualificazioni mondiali.In porta Lamanna, difesa composta da destra a sinistra da Sabelli, Ceppitelli, Dos Santos e Rossi, a centrocampo potrebbe essere confermato quello visto contro il Padova dal primo minuto, con Sciaudone, De Falco o Bellomo e Defendi, in attacco confermati Iunco, Caputo e Ghezzal.

Sicuramente l’Empoli troverà un Bari ripresosi dopo il periodo di crisi. Dal canto suo il galletto dovrà temere la squadra con il miglior rendimento nelle ultime giornate (non perde dalle ventitreesima giornata battuta in casa dal Novara 0-2), ben costruita e con un tecnico che ha saputo rialzarsi dopo la partenza stentata. Il tandem d’attacco rappresenta un lusso per la categoria. Maccarone e Tavano sono il valore aggiunto della rosa. Torrente può far affidamento su giocatori come Iunco, Caputo e Ghezzal, i quali dopo aver smaltito i rispettivi infortuni e momenti no, hanno ritrovato la forma e si stanno dimostrando dei veri e propri trascinatori. Un fattore da non sottovalutare in una categoria come quella di B.Intanto la situazione extra campo è sempre appesa ad un filo, i 30 milioni di debiti societari difficilmente saranno spalmati nel piano di quindici anni, fortemente spinto da Garzelli. Per arrivare ad un cambio di proprietà è necessario che l’attuale società nella figura dei Matarrese si accolli il debito, riuscendo a trovare dei nuovi acquirenti che possano intervenire per salvare l’AS Bari. Le notizie negative però sembrano non voler mai sole; sulla società di via Torrebella pende il giudizio da parte del Tribunale di Bari ,dello scorso settembre, sul mancato versamento dell’Iva relativa all’anno 2009. La cifra si aggira attorno ai 2 milioni di euro. Nel corso dell’udienza il dg Claudio Garzelli è intervenuto in qualità di testimone a difesa di Vincenzo Matarrese, spiegando come nell’ultimo mese si sia preferito pagare in primis altre scadenze (si veda gli stipendi). Sottolineando come gli introiti relativi ai diritti tv del 2009 siano stati incassati solo in parte nel 2010, non potendo nell’immediato sopperire al pagamento dell’Iva. Chiaramente tutto ciò ha influito sulla condizione economica del club, già alle prese con altri problemi.Queste vicende in un momento sportivo delicato, vanno messe da parte, la squadra deve restare compatta e concentrata per raggiungere il prima possibile la salvezza.

Davide Annicchiarico

 578 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *